Fase 2, Fanetti: “Ecco le nostre domande a landriscina”

Il Pd comasco chiede innanzitutto il numero dei contagiati e dei tamponi in città

Coronavirus

“La gestione dell’emergenza sanitaria Covid-19 ha richiesto all’amministrazione comunale di misurarsi con problematiche enormi che hanno travolto tutte le categorie della società comasca: dai sanitari, fino agli imprenditori passando per le famiglie, i senzatetto, anziani e disabili. Ad oggi però non è chiaro che strategia il Comune di Como abbia in mente per il futuro prossimo che certamente non sarà meno complesso. Per questo abbiamo posto 34 domande al Sindaco Landriscina. Domande che richiedono una risposta quanto più urgente” dichiara Stefano Fanetti, capogruppo del Pd in Comune a Como. 

“Dal punto di vista sanitario, gli interrogativi più pressanti riguardano il numero di contagi di Covid-19 a Como o come e quanti tamponi sono stati somministrati nella fase acuta dell’emergenza? Che dati abbiamo sulle Rsa del territorio? - chiede Fanetti - c’è poi tutto l’aspetto sociale dell’epidemia che riguarda famiglie in difficoltà e senzatetto. In che modo l’amministrazione comunale sta provvedendo alla distribuzione dei buoni spesa? Fino a quando le strutture predisposte per i senza fissa dimora rimarranno in funzione nel prossimo futuro?”.

Per il capogruppo, poi, i dubbi sulla strategia dell’amministrazione nella Fase 2 devono essere chiariti: “In che modo il Comune sta programmando gli aiuti alla ripresa del tessuto economico comasco? Che sforzi sono in programma per sensibilizzare la popolazione sul corretto e sicuro smaltimento di guanti e mascherine che nei prossimi mesi saranno utilizzate in grande quantità?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Purtroppo il sindaco e la giunta non hanno mai brillato per capacità comunicative in circostanze ordinarie - conclude Fanetti - anche nel pieno dell'emergenza le comunicazioni sono mancate. Basti pensare che il consiglio comunale del 4 maggio è stato il primo in due mesi: un lasso di tempo in cui tanto i cittadini quanto gli amministratori avrebbero desiderato un filo diretto con chi governa con la città. Adesso, vista la delicatezza della Fase 2 e con le nostre domande, il sindaco avrà occasione di fare chiarezza durante il prossimo consiglio comunale”.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

  • Studente positivo al covid al liceo Giovio di Como. E adesso cosa succede?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento