Coronavirus

Covid, cosa riparte dal 15 giugno? Non lo sport e nemmeno le discoteche

Quali attività ripartono, quando e con quali limitazioni: la bozza del nuovo dpcm

Si sperava di che alemno lo sport minore, come calcetto e beach volley, potesse ripartire da lunedì 15 giugno, ma non è così. A dispetto delle prime indiscrezioni trapelate sugli organi di stampa nazionali riguardo al nuovo dpcm che Giuseppe Conte si appresta a firmare, bisognerà attendere ancora alcune settimane per vedere la riapertura di alcune tipologie di attività.

Dal 15 giugno possono ripartire alcune attività come le terme e i centri benessere, ma l'autorizzazione a praticare sport che prevedono contatto ravvicinato ci sarà solo a partire dal 25 giugno. Intanto una brutta notizia per i gestori di discoteche e per gli amanti dei luoghi dove si balla. Nella bozza del dpcm si legge che "restano sospese sino al 14 luglio 2020 le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi".
RIpartono anche i cinema e i teatri, ma i posti a sedere dovranno essere contingentati: al massimo 200, con garanzia di un metro di distanza tra spettatori e personale impiegato nelle sale. Al massimo mille le persone consentite per gli eventi all'aperto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, cosa riparte dal 15 giugno? Non lo sport e nemmeno le discoteche

QuiComo è in caricamento