Buone notizie da Ats Insubria: l'epidemia sta svanendo nonostante la ripresa della vita sociale

L'emergen sanitaria prticamente non c'è più

Sono dati a dir poco confortanti quelli diffusi da Ats Insubria relativi all’andamento della pandemia sul nostro territorio. Per la prima volta un ente pubblico dichiara apertamente che l'allentamento delle restriioni anti-covid non hanno causato una riaccensione dell'epidemia. Anzi, i dati sono sempre più confortanti.

"Nell’ultima settimana, si registrano numeri incoraggianti in relazione al  progressivo esaurimento dell’emergenza sanitaria - spiegano da Ats Insubri - passando da una situazione diffusa ad una situazione caratterizzata da piccoli focolai, che il sistema di sorveglianza intercetta immediatamente, circoscrivendoli e neutralizzandone il potenziale espansivo. Al 25 luglio 2020, sono stati riportati complessivamente, nel sistema di sorveglianza del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria, 7.947 casi, di cui corrispondono a circa il 5,4 % quelli attualmente positivi".

Rimane confermato il disallineamento del tasso d’incidenza in ATS Insubria, che è pari a 5,40 x 1.000 abitanti, rispetto a  quello dell’intera Lombardia (9,53 x 1.000 abitanti). L’età media dei casi, dall’inizio dell’epidemia, è pari a 63,8 anni. È positivo il dato, al 25 luglio, del totale dei casi segnalati che è andato incontro a guarigione: 6.296 casi pari al Il 79,2% .

Se rapportiamo il numero di decessi alla popolazione residente, anche il tasso grezzo di mortalità per Covid-19 in ATS Insubria, pari a 0,83 x 1.000 abitanti, risulta inferiore al dato regionale (1,67 x 1.000 abitanti). È importante constatare come, tra la 14^ e la 1^ settimana considerata, in ATS si sia verificato un decremento dei casi totali settimanali (-95,7%) e ancor più dei casi attualmente positivi (-116,1%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I numeri, che descrivono l’andamento epidemiologico sul nostro territorio - concludono da Ats Insubria - attestano la validità delle misure adottate per il contenimento della diffusione e l’efficienza dell’attività diagnostica effettuata. Complessivamente, a distanza ormai di diverse settimane dal riavvio delle attività sociorelazionali, socioeconomiche e produttive non si evidenziano segnali di riaccensione dell’epidemia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Incidente sulla A9 in direzione Como a causa di un cervo: lunghe code

  • Canzo, ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: la camminata che vi porterà in un mondo incantato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento