La campagna choc della regione: "Indossare la mascherina o il respiratore?"

"Covid Dilemma", le domandi forti e discutibili di Fontana

Fontana

La Lombardia è una delle regioni al mondo più colpite dalla pandemia. Ma anche quella dove soprattutto all'inzio si sono commessi gli errori più evidenti. Ed è per questo che una campagna così forte, dove ancora una volta si sposta tutto il problema dalla parte dei cittadini, facendo leva su paure e colpe, non convince per nulla. Come se avere gli ospedali già pieni fosse una conseguenza solo di chi non rispetta le regole e non di chi, invece  avrebbe dovuto potenziarli dopo averli indeboliti con politiche sanitarie quantomeno discutibili, soprattutto in tema di medicina territoriale. Dire quindi che la scelta è tra indossare la mascherina o il respiratore non è solo forte ma anche fuorviante. Ma tant'è: questa è la nuova, forse l'ultima, risorsa, di una regione che invece di potenzire i trasporti, preferisce spostare la questione. Intendiamoci, responsabilizzare le persone è un conto, colpevolizzare un popolo già stremato è un altro. E alla fine questo "Covid Dilemma" lascia sul tavolo mille altre domande senza risposta.

mascherina regione-2

In ogni caso, secondo i suoi ideatori, la campagna di comunicazione della Regione Lombardia si pone come obiettivo principale la corretta diffusione di informazioni utili ai cittadini con il claim 'La scelta è tua, ma le conseguenze riguardano tutti noi. Aiutaci a contenere la diffusione del Coronavirus, prima che sia troppo tardi'. Un chiaro riferimento alla libertà individuale legata a doppio filo con la responsabilità morale e materiale nei confronti della collettività e del primario bene comune, la salute di tutti i cittadini.

Regione Lombardia intende promuovere, inoltre, l'importanza di utilizzare tutti i provvedimenti raccomandati dall'Oms e dal Ministero della Salute come misure di prevenzione dal contagio. Un vero e proprio appello al senso di responsabilità che il Presidente Attilio Fontana vuole rivolgere a tutti i lombardi per fermare l'incessante diffusione del virus.

Target

Destinatari del messaggio sono tutti i cittadini lombardi, gli studenti, gli anziani, i bambini e gli adulti, chiamati singolarmente alla tutela della salute pubblica attraverso un atto di responsabilità, nella consapevolezza che in questo momento l'agire individuale interessa un'intera collettività. Alcuni quesiti inducono a riflettere sulla possibilità di optare per una scelta che tolga spazio ad ogni dilemma.
Tenuto conto del target di riferimento, è stata ideata una campagna informativa, dai toni diretti ma non accusatori, che prevede affissioni, spot televisivi e diffusione web nei prossimi giorni su tutto il territorio lombardo. (LNews)
dvd/gal

Le domande choc

- INDOSSARE LA MASCHERINA O INDOSSARE IL RESPIRATORE?
- LAVARSI SPESSO LE MANI O LAVARSENE LE MANI?
- ESSERE NEGATIVI O NEGAZIONISTI?
- FERMARE IL VIRUS O FERMARE IL SISTEMA SANITARIO?
- EVITARE I LUOGHI AFFOLLATI O AFFOLLARE LE TERAPIE INTENSIVE?
Distanziamento sociale, igiene delle mani e utilizzo corretto delle mascherine per coprire naso e bocca ad oggi costituiscono l'unica misura di contrasto al Covid19, in attesa del rilascio dei vaccini. A partire da questa unica certezza sul virus, Regione Lombardia lancia la campagna di sensibilizzazione ?The Covid Dilemma', un invito ad osservare sempre poche e semplici regole per il contenimento della pandemia in corso.
 
OBIETTIVI -

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento