Coronavirus

Covid a Como e provincia: "Non c'è stato il calo sperato questa settimana"

L'aggiornamento di Ats Insubria per il periodo dal 19 marzo al 1 aprile

vaccini (repertorio)

Il picco non è stato superato e i dati espressi nella conferenza di oggi, 1 aprile, da Ats Insubria parlano di un lieve calo di contagi  ovvero 1888 rispetto ai 2002 del periodo precedentemente esaminato (dal 5 al 18 marzo), ma con un indice di positivià dei tamponi in aumento che arriva al 19,4% (prima al 16,4%).

«Purtoppo- spiega Giuseppe Catanoso, direttore sanitario di Ats Insubria- non c'è stato il calo sperato anche se l'andamento è in discesa, il ritmo è sempre lo stesso.»

Nel territorio lariano l'età media dei più colpiti in questa ondata si è stabilizzata tra i 40 e i 50 anni, l'indice Rt è, spiega sempre Catanoso, in oscillazione intorno al valore 1, ma la pandemia riscontra una decrescita evidente solo quando si scende sotto l'1. 

Scende a 321 l'incidenza su 100mila abitanti nel territorio lariano che fino al 18 marzo era a 341. 

Vaccinazioni 

«Per quanto riguarda gli Over 80 non abbiamo ancora terminato- ha spiegato Catanoso- e per essere realisti questa fase di vaccinazioni potrà essere conclusa a metà aprile. Dopo l'11 aprile gli anziani Over 80 che non avranno ricevuto sms dovranno segnalarcelo tramite mail o il sito (stiamo affinando la procedura) e a quel punto li richiameremo noi e speriamo di terminare entro il 15 aprile».

Si sono attivate anche le vaccinazioni a domicilio per i soggetti fragili. «I medici di famiglia si sono messi a disposizione e negli ultimi 10 giorni nel territorio sono stati 4000 i vaccini a domicilio per cui è stato scelto di somministrare il vaccino Moderna, perchè più maneggevole e adatto alla procedura domiciliare». Smentisce, di fatto, che sia stato utilizzato AstraZeneca a domicilio. 

Catanoso fa anche una precisazione per coloro che passeranno le vacanze alle Canarie o comunque all'estero nei luoghi consentiti. La procedura corretta vorrebbe che si registrassero sul portale e che, a 5 giorni dal rientro, effettuassero un tampone. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid a Como e provincia: "Non c'è stato il calo sperato questa settimana"

QuiComo è in caricamento