rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Coronavirus

Cosa cambia se Como e la Lombardia diventano zona gialla

Secondo il responsabile della campagna vaccinale in Regione, Guido Bertolaso, questa possibilità non si può escludere

Con l'arrivo del  super green pass il 6 dicembre la differenza tra zona bianca e gialla è molto limitata. 

Ecco cosa accadrebbe se con i prossimi monitoraggi la Lombardia rientrasse comunque in questa fascia. Per ora la zona arancione sembra ancora lontana ma c'è la possibilità di diventare gialli. Forse si saprà già oggi 23 dicembre, senz'altro domani con il monitoraggio settimanale. Questa la differenza, ad oggi, tra zona bianca e zona gialla. Ricordiamoci però che proprio nelle giornata di oggi saranno rese note le ulteriori restrizioni nel nuovo decreto,(qui gli argomenti che stanno discutendo) quindi qualcosa potrebbe cambiare. 

Cosa cambia in zona gialla rispetto alla zona bianca 

La zona gialla scatta quando l'incidenza è superiore a 50 casi ogni 100mila abitanti, l'occupazione delle terapie intensive oltrepassa il 10% e quella delle aree mediche il 15%. Tuttavia a livello concreto per i cittadini cambierebbe poco: dal 6 dicembre, infatti, il decreto super green pass equipara di fatto zona bianca e zona gialla. Quindi il cambio di colore per i prossimi 40 giorni sarebbe meno impattante che in passato sulla vita dei cittadini. 

Il cambiamento maggiore riguarderebbe le mascherine, che in zona gialla sarebbero da indossare anche all'aperto. Bar, ristoranti e locali, invece, rimarrebbero aperti (e accessibili con il super green pass). Stessa cosa per teatri, cinema, fiere e altri eventi: non vi saranno chiusure e le regole per accedere rimarranno quelle in vigore in zona bianca.

In zona gialla il coprifuoco non c'è più, gli spostamenti sono liberi e non c'è più il limite dei quattro persone al tavolo dato che al ristorante può entrare solo chi è vaccinato o guarito. Obbligo di mascherine sia all'aperto che al chiuso è la vera differenza. 

In giallo, come in bianco, è confermato l'obbligo del green pass - basta quello base - per i mezzi pubblici nelle città e per i mezzi a lunga percorrenza. Resta sempre possibile uscire dal proprio comune e dalla propria regione. Anche in giallo negozi e centri commerciali restano aperti sempre, senza nessun limite d'orario. 

Grazie al super green pass, non cambiano neanche le regole per bar e ristoranti: per le consumazioni al bancone e all'aperto non serve la certificazione verde, per i tavoli al chiuso è necessario il super green pass e cade l'obbligo di far sedere massimo quattro persone al tavolo. 

Aperti i centri sportivi: per l'attività all'aperto basta il green pass base, per gli sport al chiuso è necessario il super green pass. Teatri, cinema e locali con musica dal vivo non chiudono e mantengono la capienza al 100%, ma l'ingresso è possibile sono con la certificazione verde anti covid rafforzata. Discorso diverso per musei, mostre e luoghi della cultura, per cui basta il green pass base. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa cambia se Como e la Lombardia diventano zona gialla

QuiComo è in caricamento