menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Coronavirus, solo dal 3 giugno si capirà davvero come stanno andando le cose „La sanificazione della divisa di un sanitario, foto Ansa (archivio)“

Coronavirus, solo dal 3 giugno si capirà davvero come stanno andando le cose „La sanificazione della divisa di un sanitario, foto Ansa (archivio)“

Coronavirus, solo dopo il 3 giugno capiremo l'estate che ci aspetta

Da inizio giugno inizieremo a vedere l'incidenza delle riaperture del 18 maggio sulla curva epidemica

Echeggia nell'aria con tono minaccioso una voce che dice più o meno così: "Siamo pronti a richiudere tutto". In altre parole ci troviamo in balia di una vita "in and out" dove piace puntare il dito solo e sempre contro il cittadino. Se durante la fase 1 la colpa era di chi usciva di casa, durante la fase 2 la colpa è di chi si assembra. Cambiano le regole ma l'imputato è sempre lo stesso. E il rischio è che si paghi tutto a giugno incombe soprattutto in Lombardia dove i numeri, ma non solo loro, restano un tragico mistero.

In vista della riapertura vera dell'Italia, quella del 3 giugno, il ministro della Salute Roberto Speranza ha infatto messo le mani avanti dicendo che "il monitoraggio è quotidiano e ci permette di vedere esattamente come progresisce l'indice del contagio. Noi lo valuteremo giorno per giorno e, sulla base di queste indicazioni potremo decidere che si facciano scelte differenziate tra i diversi territori del Paese sulla base dell'andamento dell'epidemia Covid-19". 

Il ministro a più riprese ha messo l'accento sul fatto che l'intesa raggiunta con le Regioni prevede una gradualità. Ma si è deciso di aprire, perché - ha specificato - "dopo 70 giorni il paese non poteva restare fermo, avremmo pagato un prezzo troppo alto in termini economici e sociali". Ora però, ha continuato, "non possiamo assolutamnente sprecare il vantaggio accumulato in queste settimane; non dobbiamo assolutamente vanificare il lavoro straordinario che abbiamo fatto finora".

Se la fase 2 è entrata nel vivo già dal 18 maggio, lo stop ai trasferimenti tra una regione e l'altra è al momento in vigore fino al 3 giugno. Per la mobilità extraregionale bisognerà aspettare quindi a meno di brutte notizie nel corso della prossima settimana il 3 giugno, anche se resta la possibilità di spostarsi tra una regione e l’altra (con autocertificazione) per stato di necessità, salute e lavoro. Inoltre dal 3 giugno riaprono anche le frontiere. Si potrà entrare in Italia dall’Unione europea e da tutta l’area Schengen senza doversi sottoporre ai 14 giorni di isolamento imposti dalla quarantena scattata con l’epidemia di coronavirus.

Dal 3 giugno in avanti si capirà davvero come stanno andando le cose. Non prima. Dal giorno seguente alla Festa della Repubblica Italiana inizieremo a intravedere l'incidenza sulla curva epidemica delle riaperture del 18 maggio, giorno in cui quasi ovunque c'è stata la riapertura di negozi al dettaglio, centri commerciali, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti e mercati non alimentari: a quel punto il via libera alla mobilità interregionale e alla riapertura delle frontiere sancirà la libera circolazione su tutto il territorio nazionale anche dei soggetti asintomatici: un rischio, ma un rischio che prima o poi si dovrà correre. 

Va peraltro detto che a Como non si registrano casi di particolare preoccupazione: il distanziamento fisico e l'uso dei presidi è rispettato dalla larghissima maggioranza dei cittadini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento