Domenica, 13 Giugno 2021
Coronavirus

"Stop al coprifuoco e consumazione anche all'interno", le richieste si fanno sempre più serrate

Governo accerchiato anche dalla Confcommercio lombarda

La richieste per le aperture non arrivano solo dai partiti (Lega e Fratelli d'Italia) ma anche dalle associziaoni di categoria. Basta coprifuoco, ok alle consumazioni al chiuso e centri commerciali aperti anche nel weekend. Queste, in vista della possibile revisione delle restrizioni, le richieste di Confcommercio Lombardia, secondo la quale queste misure potrebbero "ottenere un impatto economico importante per bar e ristoranti e, in definitiva, per l’intera economia della Regione".

“Le attività di somministrazione hanno pagato un prezzo altissimo in questi ormai quattordici mesi di alternanza tra chiusure forzate e riaperture assai limitate - osserva Carlo Massoletti, vicepresidente vicario di Confcommercio Lombardia -. Ora con i contagi in calo e, soprattutto, con l’avanzamento deciso della campagna vaccinale, ci aspettiamo che la situazione possa, ragionevolmente, cambiare”.

Dal punto di vista dell’impatto economico, secondo i calcoli della Confcommercio lombarda, con la somministrazione consentita solo all’aperto, se il coprifuoco dovesse slittare alle 23 le attività di ristorazione della Regione potrebbero recuperare circa 40 milioni di euro; se il coprifuoco venisse spostato alle 24, allora il recupero potrebbe essere di circa 67 milioni. Molto più sostanziale invece l’impatto se, oltre allo spostamento del coprifuoco, si consentisse la somministrazione al chiuso: un incremento di 216 milioni di euro al mese con il coprifuoco alle 23, di 365 milioni alle 24. 

“Anche sul fronte del turismo possiamo immaginare una vera ripartenza solo con un Paese e una Regione senza coprifuoco - aggiunge Massoletti -. Non dimentichiamo che proprio in queste settimane registriamo le prenotazioni estive e all’estero guardano con molta attenzione alle regole in vigore. Per questo dobbiamo fare tutto il possibile per risultare attrattivi e con normative semplici e chiare”.

Da Confcommercio Lombardia, inoltre, l’appello per la riapertura dei negozi nei centri commerciali anche nei weekend. “Da più di un anno - prosegue Massoletti - le attività nei centri commerciali hanno dovuto rinunciare ai fine settimana, giorni in cui solitamente si realizza la maggior parte del fatturato. Con i protocolli di sicurezza adeguati e con un contesto generale in indubbio miglioramento pensiamo sia giunto il momento di consentire il ritorno alla normalità anche in questo comparto e dare così una risposta a migliaia di imprenditori e alle loro famiglie”.

“Riconquistare spazi di libertà avrà infine sicuramente ricadute positive su tutti i comparti del commercio e dei servizi - chiosa il vicepresidente vicario dell'associazione -. La propensione al consumo non potrà che beneficiare di un sistema che riprende a vivere in sicurezza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stop al coprifuoco e consumazione anche all'interno", le richieste si fanno sempre più serrate

QuiComo è in caricamento