Controlli della Prefettura di Como nei primi giorni della fase due: 200 sanzioni e 40 denunce

Bene invece gli esercizi commerciali

Nel periodo dal 2 all’8 maggio anche in provincia di Como come in tutta Italia sono continuati i controlli delle forze dell’odine indirizzati soprattutto a scovare eventuali  atteggiamenti scorretti nei confronti delle varie misure per contenere il contagio del covid-19 e in particolare eventuali contravvenzioni al “divieto di spostamento delle persone fisiche”. Il periodo è particolarmente interessante perché contiene i primi giorni della fase due, in cui alcune limitazioni sono cadute e si correva il rischio “tana libera tutti”, per il quale molti avrebbero potuto cercare di tornare immediatamente alla vita di tutti i giorni.
Polizia di Stato, Polizie Locali, Carabinieri, Guardia di Finanza: tutti hanno partecipato alle misure straordinarie volute dalla Prefettura di Como.

Nella prima settimana di maggio, su più di 20mila persone controllate, sono state inflitte 208 sanzioni e 40 soggetti sono stati denunciati. I controlli negli esercizi commerciali sono stati invece 1585 e hanno “fruttato” solo 5 sanzioni, dato estremamente positivo.                          

                                              

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

  • Piccole imprese che resistono, la storia di Alessandra :"I miei clienti, la mia forza mi dicevano: non mollare"

Torna su
QuiComo è in caricamento