Coronavirus

Cimitero di Camerlata: il container frigo per i morti di covid vicino al cassonetto dei rifiuti

Continua la petizione contro il degrado del Campo Santo

Contanier frigo

Una visione decisamente inquietante quella che appare al cimitero di Camerlata. Si tratta del container frigo installato in uno spazio aperto del camposanto, di fianco ai cassonetti dei rifiuti. Serve in caso di necessità a conservare le vittime covid in attesa di cremazione. 

Nello specifico si tratta di un vecchio container navale, ridipinto in bianco per l'occorrenza, all'interno del quale sono state collocate le celle frigo. L'installazione (che risale a gennaio) è stata decisa in via precauzionale qualora la pandemia dovesse peggiorare al punto da rendere insufficienti le normali procedure per la tumulazione dei deceduti.

conteiner mori covid cimitero-3

La petizione 

Intanto prosegue il lavoro di Luca Michelini per riportare dignità al cimitero di Camerlata. La petizione ha raggiunto 380 firme. Oggi l'atteso incontro con la consigliera Pierangela Torresani, con l’assessore Pettignano e un architetto del Comune. Di seguito le considerazioni del professor Michelini.

Voglio ringraziare la sollecitudine dell’assessore, della consigliera e dell’architetto, che considero e continuerò a considerare i nostri alleati più preziosi in questa azione di civiltà. Li ringrazio per l’attenzione, la pazienza e la disponibilità che hanno dimostrato. La raccolta di firme continua perché costituirà un continuo impulso per la risoluzione del problema
 
Ho illustrato loro, per un’ora e mezza, tutte le criticità del Cimitero. Ne riassumo alcune:
1.   la mancanza di decoro e di una ritualità appropriata al momento delle sepolture
2.   la mancanza di un luogo che possa ospitare qualsivoglia tipo (religioso e non) di cerimonia al momento della sepoltura
3.   lo stato di totale abbandono dell’ingresso, nella palazzina, che, ispezionata all’interno, sta evidentemente crollando
4.   i cantieri sempre aperti e pericolosi del monumento ai caduti
5.   lo stato di abbandono delle fontanelle, rotte e squallide
6.   il raffazzonamento della pavimentazione, dove una antica e sgangherata colata di asfalto deturpa ciò che rimane dei viali in sassolini
7.   l’esposizione delle pattumiere nei luoghi simbolici del cimitero
8.   l’esposizione irrituale e improvvisata di avvisi in ogni dove
9.   lo stato di abbandono dei pochi loculi
10. l’interramento approssimativo di nuove sepolture
11. lo stato di abbandono degli scoli, dei muri, degli impianti elettrici a vista.
12. l’anacronismo e l’abbandono del negozietto prefabbricato dove vengono venduti i fiori
13. l’eterna presenza di cantieri poco camuffati 

cimitero camerlata lm-2

L’assessore e l’architetto mi hanno spiegato i problemi di natura organizzativa e finanziaria che devono affrontare:

1.   I tecnici a disposizione sono… meno di uno, per ore lavorative impegnate
2.   I Cimiteri sono competenza di 3 diversi settori (anagrafe, giardini, patrimonio), non coordinati
3.   I cimiteri di Como, nove, sono tutti in grave stato di abbandono
4.   I Cimiteri di Como contano per 1 nell’elenco delle proprietà comunali, che sono 125
5.   500mila euro sono stanziati per la normale manutenzione, che diviso 125 proprietà e divisi i giorni dell’anno fanno quasi-nulla al giorno per proprietà
6.   Tutti i Cimiteri necessitano di pesanti investimenti, che hanno un iter amministrativo lungo, incerto
7.   Gli altri assessorati e altre voci di bilancio tendono a trascurare il problema Cimiteri
 
A tutto questo ho risposto in modo semplice e chiaro: 

1.   Gli investimenti di medio-lungo periodo vanno distinti dalla ordinaria manutenzione
2.   Gli investimenti si riducono quando l’ordinaria manutenzione è efficace
3.   Il Cimitero di Albate ha bisogno, per le 13 voci prima elencate, di ritocchi non costosi e non difficili, in attesa di investimenti più cospicui.
4.   Il Comune dovrebbe pubblicare on line per ciascun Cimitero il bilancio dell’avere e del dare: perché le entrate sono certe e costanti, mentre le uscite devono essere in parte reinvestite nell’ordinaria manutenzione e negli investimenti di medio periodo, salvaguardando eventualmente (e giustamente) una parte da utilizzare per altri fini.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero di Camerlata: il container frigo per i morti di covid vicino al cassonetto dei rifiuti

QuiComo è in caricamento