Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

È l'effetto della nuova ordinanza della Regione

La nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il 21 marzo 2020 prevede per supermercati, farmacie ed edicole la possibilità di domandare agli avventori di misurare la temperatura. Non è per ora del tutto chiaro quali siano le possibilità per i gestori qualora si rilevi uno stato febbrile. Potranno impedire al cliente di entrare o dovranno semplicemente attenersi alla richiesta di intervento dei sanitari? E prima ancora, quali risorse della sanità saranno destinate a questa pratica?

Intanto però, quella che forse fino a un mese fa ci sarebbe sembrata una grossa violazione delle nostre libertà diventa una manovra necessaria per contenere un virus che non si è fermato neanche davanti all'impegno della maggior parte dei comaschi a restare chiusi in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Como, lo shopping ai tempi del colore arancione: c'è confusione per gli spostamenti consentiti

  • 12 regali a meno di 20 euro per far felici amici e parenti

Torna su
QuiComo è in caricamento