Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

È l'effetto della nuova ordinanza della Regione

La nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il 21 marzo 2020 prevede per supermercati, farmacie ed edicole la possibilità di domandare agli avventori di misurare la temperatura. Non è per ora del tutto chiaro quali siano le possibilità per i gestori qualora si rilevi uno stato febbrile. Potranno impedire al cliente di entrare o dovranno semplicemente attenersi alla richiesta di intervento dei sanitari? E prima ancora, quali risorse della sanità saranno destinate a questa pratica?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto però, quella che forse fino a un mese fa ci sarebbe sembrata una grossa violazione delle nostre libertà diventa una manovra necessaria per contenere un virus che non si è fermato neanche davanti all'impegno della maggior parte dei comaschi a restare chiusi in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • 81 morti per coronavirus all'ospedale Sant'Anna dall'inizio dell'emergenza

Torna su
QuiComo è in caricamento