Turismo: Como e Lecco insieme per promuovere il lago, le nuove strategie condivise

Lo scorso anno numeri da record e crescita costante, ripartire sarà difficile ma non impossibile, molto dipenderà dalle decisioni circa le frontiere europee delle prossime settimane

Parola d'ordine: fare sistema. La Camera di Commercio di Como e Lecco ha allestito una sorta di cabina di regia unica, per promuovere il turismo sul lago formata dalle Province e dei Comuni capoluogo di Como e di Lecco e dal Consorzio del centro lago.

Una squadra che dovrà valorizzre il territorio non solo per i suoi lidi e le sponde del lago, ma anche per ciò che concerne le tradizioni enogastronomiche, culturali e tutto l'immenso patrimonio che offre questa zona d'Italia. Una strategia condivisa, che cercherà di conivolgere anche i privati e gli enti locali, con l'organizzazione di tavoli di lavoro e confronti. L'ultima volta che Como e Lecco si erano "unite" sotto la stessa bandiera per promuovere il turismo sul lago, è stata nel 2015 durante l'Expo. La cabina di regia interprovinciale avrà quindi lo scopo di promuovere insieme i due "rami del lago di Como". 

Se l'iniziativa, proposta pochi giorni fa e già convalidata, di certo sarà utile a rimettere insieme i pezzi del settore più colpito di tutti, quello del turismo, non si può evitare di volgere lo sguardo ad un passato neanche troppo lontano: lo scorso anno il turismo sul lago di Como, in entrambi i capoluoghi, ha registrato numeri favolosi ed era in costante crescita. 

Le migliori cose da fare sul lago: gli inglesi ci pensano

Consideriamo che, quando parliamo di turismo ci riferiamo anche a quel settore rivolto ad eventi stagionali (come matrimoni, cerimonie varie) che da sempre sono un grande introito per le attività del lago. Da dove ripartire? Difficile dirlo. Si pensa a una promozione del territorio anche nei confronti degli italiani stessi, alla rivalutazione di percorsi culturali e gite anche solo di una giornata come la Lake Como Poetry way, suggerita dal Telegraph tra le migliori cose da fare sul lago di Como. Gli inglesi, insomma, ci pensano e scirvono del nostro lago: ma potranno tornarci? Come? 

Le grandi catene alberghiere sono pronte alla riapertura, ma si domandano: per chi apriremo? Troppe le incognite, i dubbi, e le incertezze del settore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Dal 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Polenta e missoltini, le 10 migliori trattorie del Lago di Como

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento