Coronavirus

Genitori vs Dad, AScuola di Como: "Dare la colpa dell'aumento dei contagi ai ragazzi? È ingiusto!"

Parla l'avvocato Monica Cattaneo, una delle promotrici del gruppo

Monica Cattaneo, avvocato e promotrice di AScuola Como

Articolo 34 della costituzione: La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.

Rivendicano questo i membri di AScuola Como, costola di AScuola Milano e associata ad una rete regionale che vanta più di 40mila iscritti. 

A Como il gruppo è stato fondato dall'avvocato Monica Cattaneo e da Claudia Bellotti che ci spiegano meglio la finalità e lo scopo di AScuola.

«Per prima cosa vorrei che fosse ben chiaro che non siamo negazionisti, spiega Claudia. Sappiamo che c'è un'emergenza sanitaria e conosciamo il diritto alla salute. Però esiste anche il diritto allo studio e un'emergenza non può durare un anno».

AScuola Como cerca di smuovere le acque sulla questione Dad.

«Parliamo chiaro: la Dad non funziona. È mero nozionismo che esclude tutta la parte formativa. Quindi informa ma non educa. I bambini e i ragazzi si informano ma non crescono». Un modus operandi che mortifica il ruolo degli insegnanti, disarticola i tempi di vita e lavoro, distrugge gli equilibri familiari e sociali.

La rete AScuola di Como è composta da genitori, alcuni dei quali sono avvocati, tecnici e ognuno può dare il suo supporto e contributo per tenere alta l'attenzione sul problema. Oltre alle parole contano i fatti. E la pagina Facebook viene costantemente aggiornata sul tema e propone anche delle azioni concrete.

Monica Cattaneo, avvocato e fondatrice, ci spiega un punto molto importante: « Vogliamo che venga riconosciuto ai nostri figli e ai professori e insegnanti l'impegno enorme avuto sino ad ora nelle scuole al fine di prevenire ogni forma di diffusione. Non è giusto, oltre che immorale, oggi sostenere che i numeri dei contagi stanno aumentando per colpa dei nostri figli e dei professori che non controllano i loro comportamenti. Peraltro, quando la regione Lombardia ha deciso di chiudere, diverse scuole non avevano nemmeno una classe in quarantena. Peraltro, non basta sapere che un bambino o ragazzo sono risultati positivi, ma occorre sapere se si è contagiato in classe. Per la nostra esperienza personale, e quella di molti genitori, la positività di bambini e ragazzi è legata ad episodi di contagi famigliari».

Molti genitori sono disorientati dal susseguirsi di decreti e ordinanze sempre più restrittivi ed esasperati dall’assenza di una efficace azione di Governo e Regioni a salvaguardia della scuola intesa come diritto fondamentale e prioritario della società. questa rete di genitori e cittadini nasce dopo un anno confuso che ha concesso ai ragazzi una Didattica a Distanza, spesso imposta in modi e tempi arbitrari.

Conclude Monica Cattaneo: «Ho deciso di promuovere questo gruppo a Como anche per essere da esempio ai miei figli e insegnargli a manifestare in maniera lecita per i propri diritti».

La pagina di AScuola Como a pochissimi giorni dalla sua apertura conta più di 1000 iscritti, il link del gruppo lo trovate su Facebook digitando ASCUOLA COMO. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genitori vs Dad, AScuola di Como: "Dare la colpa dell'aumento dei contagi ai ragazzi? È ingiusto!"

QuiComo è in caricamento