menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Negozi a Como e provincia: con la fase due orari scaglionati e aperture fino alle 10 di sera

Come cambia la vita in città

Con l'inizio della fase 2 dal 4 maggio – data che potrebbe slittare nelle regioni più colpite - sembra sempre più probabile che i negozi di vendita al dettaglio e alcuni servizi professionali debbano ripensare completamente lo schema dei propri orari. In media, rispetto allo spazio disponibile, in un negozio del centro di Como potranno entrare 4 perso per volta, allora ecco che per evitare assembramenti all'esterno, al vaglio del Governo e delle regioni ci sono diverse proposte, ma due sembrano vicine a diventare certezza: aperture con orari scaglionati e serrande alzate fino a sera. Un cambio epocale insomma, perché non soltanto ci sarebbe tutta una riorganizzazione del personale e dei turni, con le inevitabili discussioni legate a stipendi e straordinari, ma sarebbe la nostra stessa vita quotidiana a subire un forte cambiamento.

Dubbi sulla riuscita

In questi anni, a Como come a Varese e Lecco, si è dimostrato che il singolo negozio, spesso di catena, che tentava di tenere aperto la sera, raramente aveva successo e chi passeggia in centro storico sa bene che tra le 19 e le 19.30 la città cambia faccia e si desertifica (zone dei locali a parte). Ora pensare di uscire di casa alle 8 di sera per andare in panetteria o in centro a provare un vestito è qualcosa che dobbiamo inserire in una nuova mentalità. Specialmente al nord c'è poi da sperare per i negozianti che la situazione si risolva completamente prima dell'inverno, quando con le gelate e le temperature anche sotto lo zero, la maggior parte di noi probabilmente rinuncerebbero a frequentare i centri storici, dove bisogna arrivare a piedi.

Mezzi di trasporto

In ogni caso, a questo adeguamento degli orari dei negozi deve corrispondere anche un adeguamento dei mezzi di trasporto, che già dovranno aumentare le loro corse per evitare gli assembramenti e ora dovranno ampliare la fascia oraria di copertura, garantendo una buona affluenza di mezzi anche ben oltre le 20.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia, nuova ordinanza: intere province in arancione "scuro"

WeekEnd

Le 5 migliori gite del weekend in zona gialla sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento