In Lombardia si esce solo con bocca e naso coperti: Codacons chiede che la Regione fornisca mascherine a tutti

È pur vero che si possono utilizzare anche sciarpe e foulard, ma quanto sono sicuri?

Da oggi, 5 aprile 2020,  in tutta la Regione Lombardia è entrata in vigore una nuova ordinanza valida fino al 13 di aprile, in cui, oltre ad essere confermati divieti e restrizioni già in atto in tutta la regione, ha imposto l'obbligo, per chiunque esce di casa (per motivi di "comprovata necessità") di proteggere sé stessi ed altri coprendosi naso e bocca. L'ordinanza non indica la necessità di utilizzare delle mascherine protettive ma consente di proteggersi anche utilizzando foulard o sciarpe.

Misura importante, perché anche quelle non specifiche, che non impediscono di contrarre l'infezione, consentono almeno a chi è positivo di non contaminare altre persone o superfici.

Il grosso problema però è dato dalla scarsa disponibilità. Le mascherine, soprattutto quelle FFP2 e FFP3 che filtrando l'aria espirata ed inspirata e proteggono chi le indossa da agenti esterni, sono praticamente introvabili, ed il rischio è quello di indossare mascherine protettive che non diano garanzie o peggio ancora improvvisati bavagli con stoffe o sciarpe. 

Sull'uso di mezzi alternativi alle mascherine, si era espresso anche Attilio Fontana:
«Certo - aveva commentato intervistato da Radio Padania -, le mascherine risolvono il problema al 100%, i foulard al 30-40%. Ma - ha concluso in dialetto - piuttosto che niente è meglio piuttosto". “

Codacons tramite il suo Presidente Marco Donzelli chiede che sia quindi la Regione a fornirle a tutte le famiglie, con particolare attenzione agli anziani e agli immunodepressi.

«La Regione Lombardia deve fornire mascherine protettive a tutte le famiglie lombarde, con particolare attenzione soprattutto alle categorie più a rischio ed a contatto con il pubblico. Conclude il Presidente dell'Associazione Marco Donzelli - va seguito l'esempio del Giappone, dove il primo ministro ha annunciato l'invio di due mascherine riutilizzabili ad ogni famiglia giapponese. Necessario tutelare la salute di tutti i cittadini.»

La multa per chi non rispetta l'indicazione, ricordiamolo, sarà di 400 euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Dal 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Polenta e missoltini, le 10 migliori trattorie del Lago di Como

  • Giovedì torna la pioggia, ecco quando si può accendere il riscaldamento in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento