menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Albese con Cassano: salgono a 56 i positivi nella casa di riposo, costante il contatto con i famigliari

Il grande impegno del personale che si adopera per non far sentire abbandonati e soli i pazienti

Continua, come scritto in una comunicazione di oggi, 1 aprile 2020, il grande lavoro del personale della casa di riposo e per disabili Villa San Benedetto Menni di Albese con Cassano. 

Si è proseguito con il processo già avviato di sottoporre a tampone tutti gli ospiti presenti in struttura sia che presentassero sintomatologia riconducibile a COVID-19, sia asintomatici ma appartenenti a nuclei con casi sospetti.
Alla data odierna, il numero dei ospiti con esito positivo al tampone è pari a 56 ( 3 in più di qualche giorno fa). Sono stati richiesti ulteriori tamponi per ultimare gli ospiti ricoverati.

La nota, formata dai responsabili Suor Agata Villadoro e il dott. Mario Sesana: 

«ATS Insubria ha fornito 72 tamponi da destinarsi agli operatori sanitari. In linea con le disposizioni regionali, si sta procedendo inizialmente con il doppio tampone per il personale di rientro da malattia che per poter riaccedere al servizio dovrà risultare negativo. Successivamente si procederà con il resto del personale in servizio. E’ stato inoltre implementato un ulteriore isolamento dei reparti, anche attraverso la limitazione di spostamento dei collaboratori all’interno della struttura, con l’obiettivo di mantenere il più a lungo
possibile la situazione di assenza di ospiti contagiati in alcuni nuclei.
Prosegue anche l’impegno per garantire il più alto livello di sicurezza possibile attraverso l’acquisto e la distribuzione dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI), seppur il loro reperimento sia ostacolato da numerose difficoltà nel rispetto delle date di consegna.
Villa San Benedetto Menni si è tuttavia attivata fin da subito per tutelare i propri collaboratori, applicando le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità e ha ricevuto anche la solidarietà da parte di alcune realtà lombarde che hanno donato DPI e Gel sanificante.
La Direzione si impegna a mantenere i contatti con i famigliari attraverso costanti aggiornamenti sulla situazione sanitaria e l’effettuazione di videochiamate e ad aggiornare le Istituzioni e la cittadinanza con regolarità, anche con l’intento di diffondere informazioni aderenti alla realtà vissuta direttamente dalla nostra Comunità Ospedaliera. Si desidera ringraziare tutto il personale per la collaborazione e la dedizione al proprio lavoro e anche i familiari degli ospiti che hanno saputo manifestare la loro fiducia e il loro supporto anche in questo momento particolarmente delicato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Covid a Como: i dati del 1° marzo: 79 nuovi casi

  • Coronavirus

    Zona arancione fino a domenica 7 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento