Il Canton Ticino chiede più controlli ai confini con l'Italia

Si attendono nuove misure restrittive alle dogane con la Svizzera, sia in entrata che in uscita

Dogana

A fronte del forte aumento dei contagi che sta toccando anche il Canton Ticino, si apre nuovamente la discussione sugli ingressi In Svizzera dalle dogane con la Lombardia. Oltreconfine, come riporta il Corriere del Ticino, ci si chiede quali regole verranno messe in campo in questo senso dopo il nuovo Dpcm firmato ieri dal governo italiano.

Il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, durante il consueto appuntamento con la stampa ha ribadito la vicinanza del Governo ai ticinesi provati dalla pandemia e in particolare sulla questione dei confini si è così espresso "Il Consiglio di Stato ha preso atto del nuovo Dpcm firmato dal premier Conte e della decisione di suddividere la penisola in tre fasce. Le zone rosse non prevedono restrizioni per chi viaggia per lavoro verso la Svizzera, ci siamo quindi appellati a Berna per ponderare questa decisione al confine e mettere in campo misure in entrata e in uscita", rileva Gobbi".  Resta quindi ora da capire quali provvedimenti verranno prese e se nel caso ruguarderanno anche i frontalieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento