menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Calcio: dal 18 maggio ci si può allenare in squadra, ma il Como 1907 dice no

"A campionato fermo e senza certezze di ripresa non vale la pena"

Il Governo si è pronunciato: al via dal 18 maggio gli allenamenti di gruppo, tanto attesi da molti club calcistici. Nel frattempo, negli scorsi giorni erano ripresi gli allenamenti individuali all'interno degli stadi e anche il Como 1907 aveva ricominciato l'attività. Abbiamo quindi domandato ad Alessandro Camagni, portavoce del club, se da lunedì la squadra sfrutterà subito la possibilità di potersi allenare insieme.

“Per il momento abbiamo deciso di no. Il problema è che se da una parte ora c'è una certezza sul giorno in cui si potrà tornare ad allenarsi insieme, non ce n'è nessuna sulla ripresa dell'attività agonistica, nel nostro caso il campionato. Stando così le cose non vale la pena di affrontare l'impegno e la spesa che sarebbero necessari per adeguarsi alle nuove norme sanitarie".

Quindi continuerete con gli allenamenti individuali?
"Esattamente. I nostri calciatori frequentano lo stadio uno alla volta e lì fanno preparazione atletica. In questo momento ci sembra l'ideale, considerando anche che nel nostro girone l’altro ieri si è trovato un nuovo calciatore positivo al covid-19 – si tratta di Francesco Cosenza, dell’Alessandria, N.d.R. - e che secondo la nuova norma stabilita dal Governo, qualora si iniziassero gli allenamenti di squadra, al primo positivo bisognerebbe mettere tutti i giocatori in quarantena per 14 giorni. Visto tutto questo, con il campionato fermo, forse per ora è meglio rinunciare agli allenamenti di squadra”. 

A proposito di campionato, in questi mesi si è molto dibattuto su cosa fare del torneo 2019-2020 se la stagione non fosse ripresa, cosa che ora sembra certezza. Voi nelle votazioni come vi siete espressi?
"Noi, come la maggioranza dei club, abbiamo votato per l’annullamento di questo campionato, ma ora dobbiamo aspettare il Consiglio Federale, che non solo non si è ancora espresso, ma per il quale non è ancora stata fissata una data”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento