Autocertificazione fake gira su Whatsapp, il Viminale: non scaricatelo

Se già bisogna tenere conto dei continui cambiamenti necessari, i modelli "falsi" peggiorano la situazione

Come non bastasse la confusione che regna in merito alle autocertificazioni, arrivano anche quelle fake, fatte girare prevalentemente su Whatsapp ma anche tramite altri canali del Web. Resosi conto di questa piaga, il Viminale ha subito replicato: 

«Si tratta di un modello falso, di un fake“, informa il Ministero. “Il modello di autodichiarazione valido – precisa il Viminale – va scaricato soltanto dai siti istituzionali ufficiali, oppure può essere compilato al momento dei controlli. Collaborare per fermare l’emergenza significa anche combattere tutti insieme la diffusione di fake news, false notizie e falsi moduli. Per informazioni e modelli si ricorda di consultare sempre gli account istituzionali»

Quindi ricorrete sempre al sito ufficiale e ignorate queste “catene di Sant’Antonio” che prolificano sui social e verificare sempre in maniera corretta qualsiasi tipo di notizia possa farvi sorgere il sospetto, e prendete come unico riferimento le fonti ufficiali e isituzionali: per l'autocertificazione il ministero dell’Interno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento