menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ascesa 2020, il monumento

Ascesa 2020, il monumento

Ascesa 2020, ecco la statua della memoria per le vittime del covid

Landriscina: "Un luogo di condivisione e sostegno per chi sta affrontando una dolorosissima battaglia"

Fondazione Alessandro Volta, in occasione della celebrazione della prima "Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell'epidemia da coronavirus" di oggi 18 marzo in tutta Italia, ha promosso la collocazione di un piccolo monumento in fondo a viale Geno, nell’area adiacente alla Villa. La stele è un’opera ispirata dalla pandemia, realizzata dallo scultore Vito Valentino Cimarosti e donata alla città da Fondazione Alessandro Volta grazie alla generosa offerta dell’azienda Pusterla Marmi.

“In genere i monumenti riconsegnano il passato, sono tributi di quanto accaduto che il presente vuole commemorare e ricordare. Questo monumento è diverso: guarda al passato ma anche ad un drammatico presente che ancora deve esprimersi completamente prima di essere lasciato alla storia - afferma Luca Levrini, presidente di Fondazione Volta - Vivere il monumento accompagnati dalla attualità del dramma penso sia cosa di estrema importanza: può generare emozioni, fare riflettere, essere luogo simbolo dove matura la memoria ma anche l’energia e la forza collettiva per reagire. In tal senso diventa strumento di utilità immateriale.  La stele si eleva al cielo sottile e delicata, ma poggia solida per emergere dalla terra, in una suggestione che evoca realtà e concretezza ma anche ambizione allo spirituale. Il fatto che l’iscrizione commemori i defunti, ma ricordi anche i guariti, il personale medico e la scienza, vuole unire al cordoglio per le vittime la gratitudine a chi, ancora oggi, rappresenta l’elemento concreto di una speranza che deve rimanere forte.” 

memoria covid-2

La finalità della donazione dell’opera è conservare e rinnovare la memoria di tutte le persone morte a causa della drammatica pandemia da Covid-19 e diventarne il simbolo visibile e concreto nella nostra Città. Sul basamento della stele è riportata la frase “La Città di Como. In memoria della drammatica pandemia Covid 19, ricorda commossa le vittime, sostiene con forza i guariti, ringrazia sentitamente il personale sanitario e riconosce il valore competente della scienza”

La stele “Ascesa 2020” è stata creata dallo scultore Vito Valentino Cimarosti in un unico blocco di prezioso marmo bianco di Carrara di oltre 2 metri d’altezza con tre elementi che salgono assottigliandosi. La stele si appoggia su due blocchi di granito di Sardegna che non combaciano perfettamente dando l’impressione di precarietà e che vogliono simboleggiare la contingenza del momento e la finitezza umana.

“Il covid ci rammenta la nostra finitezza – commenta Cimarosti – ma ci richiama anche ad una idea più sobria della libertà: essere più liberi è fare ciò che, nella situazione attuale, si deve fare. La libertà la vediamo incarnata nella serietà e dedizione con cui migliaia di persone lavorano quotidianamente per rallentare il contagio. Questo è il significato dell'innalzarsi della stele verso il cielo: guardate in alto non solo come unica consolazione ma per ergersi al di sopra delle sciagure e trovare la forza di non lasciarsene sopraffare”.

memoria covid2-2

“Avere a Como una stele che rimanda al dramma del Covid-19, come in altre città italiane, è una iniziativa evocativa importante – commenta il sindaco di Como Mario Landriscina - Il 18 marzo il sentimento nazionale si unisce e si ferma in un momento commemorativo al quale la nostra città partecipa in modo convinto, con cordoglio, forza e speranza. Con questo spirito, in occasione dello svelamento dell’opera, invito la cittadinanza a osservare un minuto di silenzio. Ringrazio a nome della città Fondazione Alessandro Volta, l’artista Vito Cimarosti e Pusterla Marmi, per aver reso possibile questa concreta suggestione. Il monumento, semplice ma particolarmente significativo, vuole ricordare tutte le vittime del Covid-19, ma anche rappresentare un luogo di condivisione e sostegno per chi sta affrontando una dolorosissima battaglia. Non posso fare a meno di pensare alle persone che in questo momento stanno lottando per superare questo momento. A tutti loro oggi vogliamo dire che la speranza deve restare sempre viva, e la possibilità concreta di vedere finalmente conclusa la fase più drammatica dell'emergenza sanitaria passa anche dall’impegno personale di ognuno di noi ad adottare comportamenti responsabili”.

memoria covid3-2

Vito Cimarosti si è diplomato in scultura all’Accademia di Belle Arti “Brera” di Milano. È docente di Scultura e Discipline plastiche presso il Liceo Artistico Statale “Fausto Melotti” di Cantù. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private, tra cui il GAMEC di Bergamo, il Medagliere della Biblioteca Apostolica Vaticana, il Museo Diocesano di Mantova, il Museo del Duomo di Fidenza, il Museo Stauro.  Oltre che per la scultura, Cimarosti è noto per la sua attività di medaglista, un’arte applicata che ha ancora un ruolo importante. Le sue capacità in questo settore sono state premiate, nel 2012, con il conferimento del Premio Bazzi per la numismatica. Inoltre, nel 2019 ha realizzato a quattro mani con il maestro Bruno Luzzani e con la preziosa collaborazione dell’azienda Pusterla Marmi, l’intero presbiterio della chiesa parrocchiale di Fino Mornasco (CO).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Decreto Draghi, prevale la linea dura fino al 31 luglio: le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento