Coronavirus

Green pass, dalla badante, all'elettricista: le risposte del governo aggiornate

Alcuni chiarimenti da parte del governo e il link aggiornato con tutte le domante e risposte piu' frequenti

Abbiamo già parlato del nuovo decreto sull'utilizzo del green pass che sarà in vigore dal 15 ottobre. Sappiamo quindi bene che molti cambiamenti riguardano l'utilizzo della certificazione verde sul luogo di lavoro, sia per i privati che per il personale dell'amministrazione pubblica. Chi sarà senza certificazione verde covid-19 verrà considerato assente ingiustificato, con lo stop allo stipendio da subito, come ricorda Today.it Ma per i liberi professionisti? Per elettricisti, idraulici, colf o badanti? Per tutte le persone che vengono a lavorare nelle nostre case per un'emergenza o per un incarico fisso? Ecco che arrivano le Faq aggiornate sul sito del governo (QUI IL LINK) dove troverete le risposte a tutte le vostre domande. 

Intanto però vi spieghiamo come funziona nei casi sopra citati. 

Elettricisti, idraulici, tecnici no, colf e badanti sì

Se per un qualsiasi lavoro riceviamo in casa un elettricista, un idraulico, un muratore o qualsiasi altro libero professionista non siamo tenuti a controllare il green pass. La legge è chiara: "non sono datori di lavoro ma stanno acquistando dei servizi". Il discorso è differente per quanro concerne colf e badanti, in questo caso il datore di lavoro è tenuto a "verificare che la dipendete o il dipendente abbia il green pass".

Per chi lavora sempre in smart working niente green pass

Nelle nuove note del governo si parla anche di smart working: chi lavora da casa non dovrà avere il green pass, dato che serve per accedere ai luoghi di lavoro. "In ogni caso - aggiunge però Palazzo Chigi - lo smart working non può essere utilizzato allo scopo di eludere l’obbligo di green pass».

Vi consigliamo comunque di consultare per ogni dubbio il sito del governo che è stato aggiornato. Qui invece un breve riassunto su dove non è richiesta l'esibizione della certificazione verde. 

Ancora oggi, 27 settembre in alcune piazze italiane ci sono state molte proteste contro il green pass. E anche a Como ci sono stati diverse menifestazioni e cortei. Difficile stabilire con certezza cosa accadrà da qui al 15 ottobre. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, dalla badante, all'elettricista: le risposte del governo aggiornate

QuiComo è in caricamento