menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Attilio Fontana

Attilio Fontana

È scontro tra Fontana e il governo: "I divieti per Natale sono folli, d'accordo con chi li violerà"

Le parole del presidente della Lombardia in un'intervista: "Siamo ancora in tempo per cambiarli"

Parole molto forti quelle del presidente della Lombardia, Attilio Fontana, sui divieti imposti dal governo con l'ultimo Dpcm. In particolare fa riferimento al non potere, i giorni di Natale, uscire dal proprio comune. Queste le sue esatte parole al giornalista Lorenzo Mottola di Libero, che nella domanda posta, raccontava delle varie lettere giunte al giornale di cittadini, specie quelli residenti nei piccoli comuni, che annunciavano che avrebbero violato le norme imposte per andare a trascorrere il Natale con i propri cari:

«Sono d'accordo con loro. Mi auguro che il Parlamento abbia un sussulto e sistemi questa norma, che mi sembra veramente una sciocchezza. Dal punto di vista epidemiologico non ha senso che sia considerato sicuro muoversi per le visite nel proprio Comune e sia definito pericoloso andare a trovare qualcuno che abita nel paese di fianco. Siamo ancora in tempo comunque, basta che ci sia la volontà politica. Ho chiesto al primier Conte di intervenire».

Nonostante sia stata emessa una circolare, che autorizza le visite a parenti non autosufficienti (con autocertificazione), l'impossibilità di muoversi dal proprio comune il giorno di Natale crea non pochi problemi a tantissime famiglie, penalizzando chi vive in paesi molto piccoli e magari limitrofi a quelli dei famigliari. 

"C'è una possibilità che io ho fatto presente al presidente del Consiglio, continua Fontana, e cioè che tutte le forze politiche si impegnino a portare con la massima urgenza in Parlamento la conversione del decreto legge e in sede di conversione modifichino il decreto medesimo" lo ha detto ai microfoni di Radio Padania. "Visto che la conversione può essere fatta subito - ha specificato il Governatore - se tutte le forze politiche decidono un percorso privilegiato, prima di Natale si potrebbe arrivare alla conversione e modificare le regole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Coronavirus

Como e provincia in zona arancione rinforzata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento