rotate-mobile
Attualità

Como, da ottobre 227 controlli del nucleo anti-evasione

Continua la lotta ai "furbetti" di Tari e Imu. Rapinese: "Presto ne vedremo gli effetti nel bilancio"

Sono stati oltre duecento i controlli eseguiti dall'unità specialistica anti-evasione della polizia locale diventata operativa a ottobre 2022. Oltre all'attività degli uffici comunali fortemente voluta dal sindaco Alessandro Rapinese per "stanare" gli evasori di Tari e Imu, il comando della polizia locale (la cui delega è sempre in capo a Rapinese) ha messo in campo una unità specializzata nei controlli e nelle sanzioni di irregolarità nei pagamenti Tari e altri tributi locali. I controlli Tari sono stati, nello specifico, 64 mentre i i controlli sulla regolarità del pagamento di altri tributi locali sono stati 167. Quest'attività di controllo ha portato a sanzionare 12 soggetti (attività e privati cittadini) per il mancato o l'irregolare pagamento della Tari e altri dodici soggetti per altre varie irregolarità.

Come detto, l'attività di controllo della polizia locale affianca quella più complessa e continuativa portata avanti dagli uffici comunali su disposizione del sindaco e che nei primi mesi del 2023 ha portato ad accertare l'evasione di 2 milioni e 30mila euro di Imu e 374mila euro di Tari.

Quanti di queste somme accertate saranno recuperate? "Lo capiremo con il bilancio consuntivo a fine anno - ha spiegato il sindaco Rapinese - ma al di là di quanto entrerà nelle casse comunali l'attività di controllo e verifica ha il duplice effetto di indurre eventuali evasori a mettersi in regola e di sospendere il decorso dei termini per la prescrizione". Per quanto riguarda l'attività della polizia locale Rapinese si è detto "molto orgoglioso di come sta lavorando, soprattutto perché opera sotto organico, problema questo che contiamo di risolvere con le nuove assunzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, da ottobre 227 controlli del nucleo anti-evasione

QuiComo è in caricamento