In arrivo pattugliamenti congiunti di polizia stradale italiana e svizzera

I primi controlli avverranno lungo l'asse autostradale di entrambi i Paesi

In arrivo sulle autostrade di confine pattugliamenti congiunti di polizia stradale italiana e svizzera. Dopo un primo ciclo di formazione svoltosi lo scorso giugno, il progetto di collaborazione è pronto per entrare nella sua fase operativa.

Trenta gli agenti di polizia stradale formati nella sede della Protezione Civile Ticinese di Rivera (CH), di cui quindici italiani e quindici svizzeri. I selezionati hanno avuto modo di confrontarsi ed apprendere i reciproci sistemi strutturali e organizzativi, nonchè condividere i principali modelli legislativi vigenti in relazione alle materie più importanti di polizia stradale, quali autotrasporto professionale di merci, trasporti pericolosi e trasporto passeggeri. Durante la formazione, grande rilevanza è stata data anche alla parte pratica, attraverso l'ausilio di istruttori, di entrambe le nazionalità, esperti di tecniche operative e addestramento al tiro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prossimo 18 settembre 2019 sarà dunque la prima giornata in cui pattuglie miste di polizia stradale italiana e svizzera effettueranno controlli congiunti, organizzando posti di controllo lungo l'asse autostradale in entrambi i Paesi. Tali controlli avranno ad oggetto principalmente il trasporto commerciale di merci e persone, con particolare riguardo al rispetto dei tempi di guida degli autotrasportatori, nonché alla verifica dei documenti di viaggio internazionali e le relative autorizzazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

Torna su
QuiComo è in caricamento