rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità

Contributo di 700mila euro per il Conservatorio di Como

Attribuito dal Ministero dell'Università per la seconda sede di via Cavallotti

Dopo mesi di attesa è arrivata nel tardo pomeriggio di venerdì 31 maggio la comunicazione ufficiale che il Conservatorio di Como ha ottenuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca il finanziamento per la ristrutturazione e adeguamento della seconda sede di via Cavallotti. L’ammontare del finanziamento, richiesto dal Conservatorio, è stato completamente attribuito, vale a dire 700.000 euro, ma quello che avvalora ancor di più il risultato è che, all’interno della graduatoria dei 24 istituti del settore AFAM selezionati per essere beneficiari di finanziamenti, il Conservatorio di Como si è piazzato al quarto posto nella graduatoria con un punteggio molto elevato, e secondo fra i conservatori di tutta Italia, alle spalle del solo Conservatorio di Milano. Mai nella sua seppur non lunga storia il Conservatorio lariano aveva ottenuto una posizione così elevata nella valutazione di un bando per finanziamenti.

"Grazie al lavoro di un'ottima squadra - ha detto la presidente Annan Veronelli - capitanata dal Direttore Zago, il Conservatorio ottiene le risorse per poter finalmente offrire il 25% di spazi in più ai propri allievi: non vedo l'ora si possano iniziare i lavori di ristrutturazione".

conservatorio como veronelli colombo zago

“È un risultato veramente importante - ha aggounto Zago -, ulteriore conferma, di finanziamento e di valutazione, che pone il Conservatorio di Como in una posizione di assoluto rilievo nel panorama nazionale, dimostrando come negli ultimi e recenti anni il livello qualitativo dell’ateneo sia stato attenzionato e riconosciuto dal MUR con risultati concreti e oggettivi". 

Un esito che gratifica l’ateneo cittadino ancora una volta dopo i risultati degli ultimi due anni che hanno permesso un consistente ampliamento di organico, di cattedre di docenza e soprattutto di personale amministrativo, finalizzato a perfezionare l’organizzazione interna dell’Istituto e da offrire all’utenza. Infatti, sempre con finanziamenti del MUR e del MEF, il Conservatorio era stato destinatario di un elevato numero di partite di spesa fissa. Elevato numero ricavato dalla valutazione ministeriale di due rilevazioni sulla didattica prodotta dal Conservatorio in rapporto alle sue dimensioni, a testimonianza che i continui appelli da parte del Conservatorio di poter disporre di maggiori spazi per la lusinghiera attività svolta, il Ministero lo aveva già certificato con questi interventi economici.

Di seguito i commenti della Presidente, Anna Veronelli, e del Direttore, Vittorio Zago

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributo di 700mila euro per il Conservatorio di Como

QuiComo è in caricamento