Comune di Como: "Non andate in Svizzera per fare benzina o sarete multati"

Fuori casa solo per "necessità improrogabili"

“Il Comune di Como invita i cittadini a evitare di andare a fare rifornimento di carburante in Svizzera”. La giunta comunale ha dovuto diffondere questa nota per mettere un freno a quanti proprio in questi giorni hanno deciso di andare a fare il pieno in Ticino, magari seguendo un ‘abitudine consolidata. Ma, ormai bisognerebbe saperlo, le abitudini in questo momento devono cambiare.
Recarsi al distributore oltrefrontiera, precisa Palazzo Cernezzi, “non rientra tra le necessità improrogabili, pertanto è possibile essere soggetti a provvedimenti penali per il mancato rispetto delle direttive governative sulla mobilità nell'area soggetta a divieto di circolazione: si ricorda che è possibile spostarsi solo per motivi urgenti e improcrastinabili, per recarsi al lavoro, per motivi di salute e per l’acquisto di beni o servizi primari”.

Insomma, state a casa per senso civico e anche perché altrimenti potete prendere una multa molto salata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento