Codacons diffida il Comune di Como sui parcheggi abusivi

Colpa delle auto in sosta vietata che hanno ritardato i soccorsi a un bimbo di 3 anni

Le auto in divieto in via Caniggia

Ricordate il nostro articolo di ieri, 6 ottobre 2019, in cui una mamma ci raccontava l’odissea subita per far intervenire l’ambulanza per il suo bimbo in via Caniggia? Non è passato inosservato al Codacons, che stamattina prepara una diffida all'amministrazione del comune di Como: "Indispensabile trovare una soluzione al problema dei parcheggi abusivi nella via”. Poi il riferimento al nostro pezzo: il bimbo che accusa un malessere, la mamma che chiama l’ambulanza e questa che non riesce a muoversi velocemente tra le auto parcheggiate. Finalmente, con incolpevole ritardo, l’ambulanza arriva ma le difficoltà si presentano di nuovo quando l’autista deve manovrare per uscire dalla zona e raggiungere l’ospedale. Insomma, almeno 20 minuti persi e l’esigenza per i paramedici di far passare la barella sulle aiuole.

Inaudito, dice il Codacons, “si parla di decine di auto parcheggiate in divieto di sosta, nonostante la minaccia di rimozione forzata presente sui cartelli della via. Siamo di fronte a una situazione gravissima che, per fortuna, questa volta non ha avuto serie conseguenze. È necessario prendere provvedimenti per evitare che episodi del genere possano ripetersi mettendo in pericolo la vita delle persone. Il Codacons manderà una diffida al Comune affinché intervenga in maniera decisa per risolvere un problema che, oramai, è sotto gli occhi di tutta la comunità comasca”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

Torna su
QuiComo è in caricamento