Attualità

A Cernobbio i palazzoni che fanno paura: una petizione per dire no al progetto

Appena dietro il Municipio, nell'aerea ex Grafiche Dotti, potrebbe sorgere un complesso residenziale e commerciale con condomini alti 8 piani

Il progetto per la riqualificazione dell'area ex Grafiche Dotti a Cernobbio, e più in generale del quartiere San Giuseppe che si trova alla spalle del Municipio, spaventa, e non poco, numerosi cittadini che hanno deciso di indire una petizione per chiedere di fermare momentaneamente l'iter procedurale per l'approvazione definitiva. Il progetto, infatti, già passato in commissione urbanistica dovrà approdare in consiglio comunale per il via libera. 
Cosa prevede il progetto "ex Grafiche Dotti” presentato da “Only Real Estate s.r.l.? innanzitutto la totale demolizione dell'esistente con la costruzione di 2 condomini di 8 piani fuori terra, 7 dei quali ad uso abitativo. E' prevista poi la realizzazione per la palazzina A di 13 parcheggi e un magazzino comunale di circa 110 metri quadrati mentre nella palazzina B sono previsti negozi per il commercio di prossimità. Entrambi gli edifici avranno 2 piani interrati per uso parcheggi per gli appartamenti senza obbligo di pertinenziazione ma comunque in numero uguale o superiore a 2 per ogni unità abitativa. Sarà prevista la realizzazione inoltre di 19/20 unità abitative per condominio.

Tanto basta per suscitare i timori di cittadini, sostenuti, tra l'altro, da esperti di urbanistica e architettura. Ecco, dunque, la petizione per chiedere innanzitutto "di non approvare in consiglio comunale l’asseverabilità dell’area denominata
ex Grafiche Dotti". Inoltre si chiede di "di bloccare, rivedere ed assoggettare il progetto" ad una "più attenta disamina applicando i criteri ed indirizzi per l’attuazione degli ambiti di trasformazione” individuati dal Piano di governo del territorio. 

E ancora, la petizione chiede di "applicare in senso più stretto i criteri espressi nello stesso documento di Piano del
governo del territorio nelle sezioni “Obiettivi ed indirizzi progettuali” volti a consolidare l’attuale immagine della città di Cernobbio, (connotata quale leader del turismo internazionale di lusso), cogliendo l’occasione per ricercare funzioni di tipo innovativo".

Infine si chiede "successivamente di avviare con il supporto di università nazionali ed internazionali, enti del settore, associazioni locali e nazionali, professionisti e soprattutto con la cittadinanza un serio e approfondito studio di progettazione urbanistica di tutto il
quartiere San Giuseppe dalla via Regina al complesso di Cernobbio 2000".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cernobbio i palazzoni che fanno paura: una petizione per dire no al progetto

QuiComo è in caricamento