rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Attualità San Fedele Intelvi

Valle Intelvi: le Fiamme Gialle lariane celebrano i 250 anni di fondazione del Corpo ricordando i loro caduti

Ad Erbonne una strada intitolata alle Fiamme Gialle

Quest’oggi, in occasione dell’anniversario della posa del Monumento al Finanziere a Centro Valle Intelvi (Como), le Fiamme Gialle lariane si sono riunite per ricordare i loro caduti e celebrare i 250 anni di fondazione del Corpo.

All’evento, promosso dal comandante provinciale della guardia di finanza colonnello Michele Donega e presieduto dal comandante regionale, generale di divisione Giuseppe Arbore, hanno preso parte il prefetto di Como, Andrea Polichetti, l’assessore regionale Alessandro Fermi, i consiglieri regionali Marisa Cesana, Anna Dotti e Angelo Orsenigo, il questore di Como, i sindaci della Valle Intelvi e della città di Como, il comandante provinciale dei vigili del fuoco, i direttori provinciali delle agenzie fiscali, il vicario generale della diocesi, monsignor Ivan Salvadori, e il dirigente dell’ufficio scolastico territoriale di Como.

Grande participazione

La cerimonia ha avuto inizio con la resa degli onori al comandante regionale ed è proseguita con l’alzabandiera accompagnata dall’inno nazionale intonato dai giovani alunni dell’istituto comprensivo Magistri Intelvesi. È stata poi deposta una corona di alloro alla base del monumento al finanziere in onore dei 107 finanzieri che, nel secolo scorso, lungo il confine lombardo, hanno sacrificato la vita nel servizio al Paese.

Spirito di servizio e sacrificio

Il sindaco di Centro Valle Intelvi, Mario Pozzi, ha portato il suo saluto, evidenziando il legame di stima e vicinanza che unisce gli abitanti della Valle Intelvi con le Fiamme Gialle, riconosciute come un prezioso presidio di legalità e sicurezza. Successivamente, il prefetto Andrea Polichetti ha ricordato il ruolo fondamentale del corpo quale istituzione garante delle libertà economiche e dei doveri di solidarietà sanciti dalla costituzione, esprimendo pubblica riconoscenza per il contributo che le Fiamme Gialle lariane assicurano nella tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Generale Arbore

Il generale Giuseppe Arbore ha reso omaggio all’impegno, alla dedizione e allo spirito di sacrificio delle Fiamme Gialle che, in questo territorio di confine, hanno servito il paese, a volte a costo della propria vita. Un pensiero deferente è stato rivolto ai finanzieri caduti nell’adempimento del dovere, come il tenente Cosimo Aleo e il finanziere Giorgio Ardizzone, travolti e uccisi dalle auto di spregiudicati contrabbandieri, o mossi da un superiore senso di giustizia, come il finanziere scelto Salvatore Corrias e il tenente Giorgio Cevoli, entrambi insigniti del titolo di giusto tra le nazioni, o il finanziere Gavino Tolis, morto nel campo di concentramento di Mauthausen per essersi opposto alle leggi razziali.

Il generale Arbore ha infine rivolto un particolare ringraziamento alle locali sezioni dell’associazione nazionale finanzieri d’Italia per l’impegno quotidianamente profuso nel preservare le tradizioni del corpo e rinnovare la memoria delle Fiamme Gialle che hanno dato la vita per il bene del Paese.

Ad Erbonne una strada intitolata alle Fiamme Gialle

La cerimonia è stata preceduta, nella prima mattinata, dall’intitolazione alle Fiamme Gialle della via di ingresso alla frazione di Erbonne del comune di Centro Valle Intelvi, ove ha sede il piccolo museo della guardia di finanza e del contrabbando. Il museo, sorto sui resti di una casermetta della guardia di finanza attiva sino al 1977 e ristrutturata dai finanzieri in congedo, ospita cimeli, equipaggiamenti, indumenti e divise risalenti agli anni in cui, in tutta la Valle Intelvi, imperversava il contrabbando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valle Intelvi: le Fiamme Gialle lariane celebrano i 250 anni di fondazione del Corpo ricordando i loro caduti

QuiComo è in caricamento