Caslino d'Erba, il terreno confiscato alla mafia diventerà orto didattico per le scuole

Il progetto presentato di riqualifica è stato presentato dal circolo Ilaria Alpi

"Sono molto contenta della visita di oggi, il terreno è in una posizione molto bella e le prospettive di valorizzazione sociale sono in linea con il riutilizzo di un bene confiscato” - ha dichiarato Monica Forte, Presidente della Commissione Speciale Antimafia durante la visita a Caslino d’Erba (CO) insieme al sindaco Marcello Pontiggia. “Come Commissione Speciale Antimafia abbiamo dato la nostra disponibilità nel supportare i prossimi passi e siamo fiduciosi che, entro la fine di quest’anno – ha concluso Monica Forte - si possa terminare la  fase di progettazione per poi poter presentare domanda di accesso al fondo regionale per il recupero e il riutilizzo sociale dei beni confiscati e vedere in breve termine la realizzazione di questo straordinario progetto.”

Alla visita erano presenti anche altri componenti della Commissione Antimafia, il Vice Presidente Alex Galizzi e il Consigliere Angelo Orsenigo oltre a Roberto Bellasio, esponente dell’Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC), Roberto Fumagalli e Marco Martinelli in rappresentanza rispettivamente del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” e della Società Cooperativa Sociale comasca “Il Seme”.

Il sopralluogo ha riguardato uno dei terreni confiscati, individuato da ANBSC, da destinare al progetto presentato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” nell’ambito del “Festival delle idee”. Nato per trovare modi nuovi e originali per il riutilizzo innovativo dei beni confiscati in Lombarda, il “Festival delle idee” è promosso dalla Commissione Speciale Antimafia del Consiglio Regionale e dal Comitato tecnico scientifico per la legalità e il contrasto delle mafie, guidato dal professor Nando Dalla Chiesa.

La proposta del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, ampliata grazie alla collaborazione della Società Cooperativa Sociale “Il Seme”, prevede diversi usi per il terreno confiscato: dall’utilizzo agricolo per la coltivazione biologica di prodotti tipici locali all’avviamento di un orto didattico per le scuole. Particolare attenzione viene data al coinvolgimento nei lavori di coltivazione di comunità e cooperative sociali e di persone con disabilità, agli studenti nell’orto didattico e al mantenimento dell’attuale destinazione agricola e naturale del terreno.

L’idea si è distinta tra le migliori proposte dei 53 progetti presentati, di cui 17 dalla provincia di Milano, 15 da quella di Brescia, 5 da Pavia, 4 da Lecco e da Varese, 1 rispettivamente da Monza, Lodi, Bergamo, Como e Cremona: 3 sono extra Lombardia (uno dal Brasile). In particolare 26 sono stati elaborati da associazioni, 19 da singoli cittadini, 2 da Comuni, 6 da istituti scolastici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Dal 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Polenta e missoltini, le 10 migliori trattorie del Lago di Como

  • Giovedì torna la pioggia, ecco quando si può accendere il riscaldamento in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento