rotate-mobile
Viabilità / Cantù

Canturina bis, inaugurato il primo tratto tra Cantù e Cucciago

“Un’opera strategica per il territorio”

L'opera, realizzata con un investimento complessivo di 2,6 milioni di euro, è stata finanziata da Regione Lombardia, che ha contribuito con il 50% della spesa, dalla Provincia di Como, con un finanziamento di 900mila euro, e dal Comune di Cantù, che ha stanziato 400mila euro. La bretellina, della lunghezza di circa 1 km, si innesta sulla rotatoria esistente tra la SP27 "di Cucciago e Cassina Rizzardi" e la SP28 "Luisago – Senna – Lipomo" al confine tra Cantù e Cucciago. Snodandosi verso sud in sede nuova, si collega all'attuale tracciato della SP34 "Cantù-Asnago" (Corso Europa) a valle del centro commerciale Bennet, circa 500 metri prima della rotatoria di Via Giovanni da Cermenate.

"Sono particolarmente lieto di inaugurare questa mattina la bretellina Cucciago-Cantù, un'opera attesa da tempo dalla cittadinanza e che rappresenta un tassello fondamentale per la mobilità del nostro territorio - ha dichiarato il Presidente della Provincia di Como, Fiorenzo Bongiasca – Questo progetto è il risultato di un impegno congiunto tra Regione Lombardia, la Provincia di Como e il Comune di Cantù, che hanno investito risorse significative per rendere possibile la realizzazione di questa infrastruttura”.

canturina3

“L'obiettivo principale di questa nuova infrastruttura è quello di decongestionare il traffico veicolare che, soprattutto negli orari di entrata e uscita dai licei Fermi e Sant'Elia, intasava Corso Europa e Via Giovanni XXIII, creando disagi ai residenti e agli automobilisti – ha spiegato Bruno Tarantola, dirigente del Settore Infrastrutture della Provincia di Como - Grazie alla bretellina, il traffico di attraversamento sarà separato da quello locale, con un duplice vantaggio: una maggiore fluidità della circolazione e un miglioramento della sicurezza per tutti gli utenti della strada."

L'intervento si inserisce in un piano più ampio di riqualificazione della rete viaria con l'obiettivo di ridurre il tasso di congestione. Si stima una diminuzione di circa 4.000 veicoli al giorno su Via Papa Giovanni XXIII (dagli attuali 12.000 a circa 8.000) e di circa 3.000 veicoli al giorno su Corso Europa (dagli attuali 9.000 a circa 6.000). Il traffico medio giornaliero atteso sulla nuova infrastruttura è di circa 10.000 veicoli. Prosecuzione naturale della nuova arteria sarà la “Canturina Bis”, il nuovo collegamento Como-Mariano Comense di 7,5 km di cui il 60% in galleria. A oggi è stato approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica e il finanziamento necessario per la realizzazione dell’intera opera ammonta a 334 milioni di euro. 

canturina2

“Inauguriamo questo primo tratto di Canturina BIS con grande soddisfazione.  Questo progetto rappresenta un impegno ampio e ambizioso che abbiamo intrapreso fin dall'inizio del mandato e che continueremo a perseguire nel futuro, grazie alla stretta collaborazione con la Provincia di Como e Regione Lombardia. Siamo fermamente convinti dell'importanza di ridurre il traffico e di evitare il passaggio dei mezzi pesanti nel centro della nostra città: questa nuova arteria è imprescindibile, quindi, non solo per Cantù e i suoi abitanti, ma per l'intero territorio – ha dichiarato il Sindaco di Cantù, Alice Galbiati - Con l’inaugurazione di oggi, dimostriamo il nostro impegno a portare avanti questo progetto fino al suo completamento”.

“Oggi è un giorno di festa, ma l'obiettivo è quello di proseguire con la progettazione definitiva dei rimanenti lotti e la realizzazione di un secondo tratto di strada – ha aggiunto l’Assessore Regionale Alessandro Fermi - Regione Lombardia ha finanziato questa importante opera con 95 milioni di euro, segno tangibile del nostro interesse per questa arteria viabilistica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canturina bis, inaugurato il primo tratto tra Cantù e Cucciago

QuiComo è in caricamento