Attualità

Allenamenti al gelo, un anno dopo la piscina di Muggiò è ancora chiusa

I ragazzi della pallanuoto saranno costretti ad allenarsi a Legnano

Como nuoto, allenamenti al gelo

Lo scorso anno i ragazzi della Como Nuoto erano andati avanti ad allenarsi al freddo sino a novembre. Senza la piscina di Muggiò, chiusa dal giugno 2019, erano stati poi costretti a trovare riparo a Chiasso. Un anno dopo cosa è cambiato? Nulla. La vergognosa situazione, a cui il Comune incredibilmente non ha ancora rimediato, nonostante siano passati 16 mesi dallo stop all'impianto olimpionico, costringerà ancora molti atleti del nuoto e della pallanuoto ad emigrare altrove. Non essendo più percorribile la strada svizzera, per questioni legate all'emergenza coronavirus, è addiruttura possibile che l'unica alternativa per i ragazzi della Como Nuoto sia quella di andare ad allenarsi addirittura a Legnano, con tutte le difficoltà e i costi aggiuntivi che crea uno spostamento in provincia di Milano.

Como Nuoto 8 novembre 2019 2-2-2

Una situazione davvero assurda quella dell'impianto di Muggiò, una delle tante rispetto alle quali la giunta Landriscina ha l'obbligo di trovare risposte, seppure fuori tempo massimo. Soprattutto oggi che le disposizioni anti-contagio vietano ai ragazzi qualsiasi forma di sport aggregata che non sia all'interno di una organizzazione sportiva. Bisognerebbe provare almeno vergogna per aver costetto questi giovanissimi atleti a scappare da Como per potersi allenare e praticare il loro sport. D'altronde siamo un capoluogo che non ha nemmeno un palazzetto dello sport e che invece proprio a Muggiò avrebbe potuto dar vita a una vera e propria cittadella dello sport. Più che sul portafoglio, qui occorre che il Comune di Como metta mano alla coscienza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allenamenti al gelo, un anno dopo la piscina di Muggiò è ancora chiusa

QuiComo è in caricamento