Attualità

Gli agricoltori di Como e Lecco davanti al Pirellone per protestare contro i cinghiali

Un’invasione che mette a rischio campagna e città

Domani matedì 18 giugno a Milano convergeranno anche gli imprenditori agricoli delle due province lariane che scenderanno in piazza nei pressi della Regione (piazza Duca d’Aosta, dalle 9.30, davanti al Pirellone) per chiedere un cambio di passo sulle politiche relative ai piani di contenimento degli ungulati, sino ad oggi dimostratesi inefficaci. Ma sono tanti gli appuntamenti che in circa 1 mese toccheranno tutti i capoluoghi del Paese (sempre il 18 è prevista un’analoga azione in Calabria) e che già nel mese di giugno passeranno anche da Sardegna e Abruzzo prima di arrivare in Puglia, nella Marche e via via in tutte le altre regioni.

"L’obiettivo delle mobilitazioni, scrive Coldiretti, è far applicare subito a livello regionale le misure previste dal decreto interministeriale varato lo scorso anno per l’adozione di un Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica. Nei piani delle Regioni dovrà essere previsto il coinvolgimento attivo dei proprietari e conduttori dei fondi muniti di licenza per l’esercizio venatorio e la costituzione di un corpo di Guardie volontarie, a livello provinciale, per colmare il deficit di organico della polizia locale con la possibilità di agire anche nelle aree protette".

Un’invasione che mette a rischio campagna e città

"Fondamentale, continuano, contenere quanto prima un’invasione che è diventata una vera e propria emergenza nazionale con 2,3 milioni di esemplari liberi di muoversi senza ostacoli sul territorio italiano, con un impatto devastante sulla produzione alimentare. Tra le situazioni più critiche sul territorio si annovera proprio quella del territorio lariano, dove il problema della fauna selvatica è aumentato a dismisura.

Un allarme che riguarda campagna e città, agricoltori ma anche cittadini che vogliono contenere un pericolo per i campi e per le strade, come dimostra l’ultimo scontro mortale avvenuto a Roma dopo un 2023 che ha registrato 170 incidenti stradali con morti e feriti, secondo l’analisi Coldiretti su dati Asaps, in aumento dell’8% rispetto all’anno precedente".

Danni ai campi per 200 milioni

Cinghiali che hanno causato nell’ultimo anno danni all’agricoltura italiana per circa duecento milioni di euro, devastando campi di grano, orzo, mais, ortaggi e persino vigneti. I danni causati dagli animali selvatici non vengono rimborsati che in minima parte e spesso dopo molti anni, con una situazione che ha portato molti a rinunciare a denunciare gli attacchi subiti. Tra l’altro, i pochi indennizzi che arrivano non coprono mai il reale valore del prodotto distrutto o dell’animale ucciso. Per fare un esempio, un produttore di vino pregiato che ha avuto la vigna devastata da cinghiali si vedrà risarcire solo il semplice valore dell’uva.

Ai danni alle coltivazioni si è aggiunto l’allarme della peste suina africana, la malattia non trasmissibile all’uomo che i cinghiali oggi presenti sul territorio nazionale rischiano di diffondere nelle campagne, mettendo in pericolo gli allevamenti suinicoli sul territorio e, con essi, un settore che tra produzione e indotto vale circa 20 miliardi di euro e dà lavoro a centomila persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli agricoltori di Como e Lecco davanti al Pirellone per protestare contro i cinghiali
QuiComo è in caricamento