rotate-mobile
Attualità Porlezza

Svetlana e 7 bambini fuggiti dalla guerra hanno bisogni di aiuto a Porlezza

La loro storia

Svetlana è scappata dalla guerra in Ucraina e ha portato con sè non solo i suoi 5 figli, ma anche due dei suoi nipoti. Da Leopoli il viaggio è stato lungo e faticoso e sono arrivati (dopo un breve passaggio a Nola, Napoli) a Porlezza grazie all'aiuto di Orietta, Tetyana e tante altre persone che, con associazioni o individualmente si muovono per aiutare i profughi di una guerra che, anche se ora fa meno clamore, non è mai finita. Tetyana ha quindi deciso di aprire sulla piattaforma Gofounfme una raccolta fondi per Svetalana e i bambini. Prima di pubblicare questo appello abbiamo chiamato Tetyana per capire quali fossero le esigenze di questa famiglia. Il problema di Svetlana è trovare una casa che ospiti tutta la numerosa famiglia anche in affitto, pagando il giusto ma ora, andando verso la stagione estiva sul lago di Como e  Lugano i prezzi sono aumentati e la donna, nemmeno con gli aiuti delle volontarie, non potrà pagare le cifre richieste. "Grazie alla generosità del gestore Angelo Ortalli - ci spiegano- dal 20 aprile abbiamo avuto la sospensione del canone di locazione ma ora i rischi sono quelli di rimanere senza casa, di pagare cifre raddoppiate e anche di pagare gli affitti arretrati."
I bambini vanno a scuola e sono già inseriti per fortuna nella nuova realtà. 
Oltre alla raccolta fondi (qui il link) il problema è trovare una casa in affitto a un prezzo ragionevole in zona Porlezza, ma sembra proprio che sia impossibile. Orietta Ciarolu, che si occupa dell'accoglienza delle famiglie ucraine sin dall'inizio, aveva chiesto che fossero ospitati nella casa parrocchiale della Caravina ma al momento dell'arrivo di Svetlana era stata occupata da quattro persone (la casa ha 8 posti) ma non hanno ritenuto opportuno spostarle. Era bassa stagione. Ora è impossibile sostenere questo costo. Tante le persone che si mobilitano per loro. Oltre a Orietta Ciarolu e Tetyana Horbunova, sono tanti i semplici cittadini che aiutano come possono ma il problema dell'abitazione dove poter dare un pò di tranquillità a questi ragazzi è, da mesi, insormontabile.

L'appello su Gofundme: 

"Mi chiamo Tetyana vivo in Italia da molti anni ma sono nata in Ucraina. Quando è scoppiata la guerra, ho sentito il bisogno di aiutare la mia gente e ho iniziato a fare volontariato, cercando di aiutare le famiglie, più bisognose, che arrivavano disperate nel nostro paese. La storia di Svetlana è stata una di quelle, perché il suo viaggio per scappare dalle bombe e mettere in salvo tutti i bambini ( 5 figli suoi e due nipoti ) è stato doloroso e molto difficile. Svetlana è finalmente in Italia, con tutti bambini da sfamare e a cui dobbiamo e vogliano garantire una casa, c’e un affitto da pagare e purtroppo da sola non può farcela. E’ una famiglia che ha bisogno di tutto il nostro aiuto e sostegno. 

Questa donna fino a qualche mese fa aveva un bel lavoro, una vita serena con suo marito e con i suoi bambini, ora lotta ogni giorno per sopravvivere e per avere un tetto dove poter aspettare la fine di questa assurda e crudele guerra. Anche un piccolo contributo può fare la differenza, goccia dopo goccia possiamo riempire questi cuori … grazie a tutti anticipatamente, Svetlana, i suoi piccoli ed io ve ne saremo infinitamente grati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svetlana e 7 bambini fuggiti dalla guerra hanno bisogni di aiuto a Porlezza

QuiComo è in caricamento