Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tassista di Carugo travolto e ucciso sulla Milano-Meda, caccia a un'auto in fuga dopo lo schianto: video

L'incidente verso le 3.30 all'altezza dello svincolo di Binzago in direzione Nord

 

Tragico incidente stradale sulla Milano-Meda, dove è avvenuto uno schianto che è costato la vita a un uomo di quarantasette anni, il tassista di Carugo Eugenio Fumagalli. Come riporta MilanoToday, teatro del dramma è stato il tratto di strada immediatamente successivo allo svincolo di Binzago a Cesano Maderno, in direzione Nord. E' successo nella notte tra sabato 12 e domenica 13 gennaio 2019.

Lì, stando a una primissima ricostruzione, alle 3.30 si è verificato un primo incidente che ha coinvolto due auto, una delle quali - una Fiat 600 - si è ribaltata. Pochi attimi dopo è arrivato il tassista, che si è fermato ed è sceso dalla vettura per prestare soccorso ai feriti. Da dietro però sarebbero arrivate altre due macchine, che non sarebbero riuscite a evitare l'impatto con la 600 e con l'uomo. Il 47enne, colpito con violenza, è stato sbalzato a decine di metri di distanza ed è morto praticamente sul colpo. Altre tre persone - dovrebbe trattarsi di una 26enne e di due ragazzi di sedici e ventuno anni - sono invece rimaste ferite in maniera lieve. Sul posto hanno operato a lungo i soccorritori del 118, i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano e gli agenti della Polstrada di Seregno. Proprio i poliziotti hanno spiegato nel video di Milano Today che una delle macchine coinvolte nello schianto è fuggita, facendo perdere le proprie tracce. Si tratterebbe - ma è ancora da confermare - del veicolo che avrebbe causato il primo incidente e che nell'impatto avrebbe perso la targa. 
Il pirata è stato preso poco dopo.

Potrebbe Interessarti

  • Como, allagata via per Cernobbio

  • Barca brucia in mezzo al lago a Gravedona: il video

  • Impressionante video a Loveno di Menaggio: strada inondata

  • Un elicottero per rimuovere una gru: coda sulla Regina per il carico speciale

Torna su
QuiComo è in caricamento