L'appello di Como Senza Frontiere: aprire ai senzatetto l'ex chiesa di San Francesco

Trovare nuovi spazi agli eventi culturali e lasciare l'ex chiesa a chi ha bisogno di riparo

Senzatetto all'ex chiesa di San Francesco

Pubblichiamo integralmente la lettera aperta del gruppo di associazioni denominato Como Senza Frontiere. Con questo appello il gruppo chiede di aprire le porte dell'ex chiesa di San Francesco ai senzatetto e di destinarlo al loro riparo, sopratutto per la notte. Da alcune settimane, cioè da quando sono stati chiusi i dormitori predisposti per l'emergenza freddo, numerosi senzatetto italiani e stranieri affollano il portico dell'ex chiesa quando viene sera per trovare uno spazio per il proprio giaciglio.

Da qualche settimana ormai decine di persone senza una dimora stabile, di provenienza locale o straniera, sono costrette a dormire in strada, in condizioni assolutamente indegne di una città non solo “civile” ma “ricca”. Molti si rifugiano e trovano riparo sotto il portico dell’ex chiesa di San Francesco, assistiti da un’associazione di volontariato. Crescono il disagio e le discussioni in città.

Eppure una prima, parziale, temporanea soluzione è a portata di mano. Basta prendere la chiave e aprire le porte dell’ex chiesa, da decenni adattata a sede di esposizioni ma da molti mesi assolutamente vuota. Costi? Zero. Basta aprire una porta. Rischi? Zero. Migranti e volontari hanno tenuto perfettamente pulito per mesi il piano terra dell’autosilo Valmulini, nonostante le condizioni al limite e le ciniche decisioni dell’amministrazione cittadina (che aveva persino fatto chiudere l’acqua di un rubinetto nelle vicinanze), perché non dovrebbe essere possibile la stessa cosa nello spazio dell’ex chiesa? Ci sono persino alcuni servizi igienici.

Il decoro cittadino, cui si fa sempre appello, non avrebbe che da guadagnarci. Il fatto poi che l’ex chiesa sia intitolata al santo poverello di Assisi sembra fatto apposta. La sua memoria non potrebbe esserne che vivificata. L’ex chiesa è destinata a manifestazioni artistiche e culturali? Vero. Allora facciamo dell’accoglienza in quel luogo un momento di crescita culturale con incontri, spettacoli, manifestazioni varie, coinvolgendo anche le persone “ospiti”. Uno degli obiettivi non è forse quello dell’integrazione?

La vitalità della cultura cittadina avrà modo di esprimersi e di trovare un pubblico internazionale da coinvolgere. E nel caso l’ex San Francesco fosse già impegnata nelle prossime settimane, si può sempre individuare una soluzione alternativa per quelle manifestazioni culturali: a Como gli spazi non mancano!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiediamo all’amministrazione cittadina di prendere con rapidità una decisione tanto coraggiosa quanto semplice, senza nascondersi dietro improbabili scuse. Chiediamo alla città, alle persone impegnate in tutti i campi della cultura e dell’arte oltre che in quelli dell’accoglienza e dell’attivismo sociale, di condividere questa proposta. Mentre si trova una soluzione efficace al problema delle persone senza dimora, sfruttiamo il tempo che ci è dato per capire e per imparare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • 81 morti per coronavirus all'ospedale Sant'Anna dall'inizio dell'emergenza

Torna su
QuiComo è in caricamento