Migliaia di magliette verdi tra Como e Cernobbio: è la corsa di Geky

Foltissima affluenza alla camminata benefica in ricordo del piccolo Giacomo, morto per una meningite fulminante

Corriamo con Giacomo 2018

Il Sorrusio di Geky ha contagiato anche quest’anno il cuore dei comaschi. Oltre 2000 sono stati i partecipanti della RunforGeky - Corriamo con Geky, alla sua quinta edizione. Le magliette verdi con la mano alla GIMME FIVE hanno dominato con un fiume di allegria la città dalla piazza Cavour all’ex Galoppatoio di Cernobbio.  
La camminata è ormai un evento irrinunciabile per centinaia di famiglie; dai bambini ai nonni per ricordare  Giacomo Leoni un bambino di 9 anni che dopo aver affrontato coraggiosamente una malattia che pareva aver sconfitto, è morto improvvisamente nel 2013 a causa di una meningite fulminante. 
L’iniziativa è stata promossa dai genitori di Geky, papà Ermanno e mamma Ilaria, dalle maestre e dai compagni, da tutti gli amici che hanno condiviso il percorso di Giacomo segnato dall’impegno gioioso nel vivere la quotidianità anche nei momenti più difficili. Chi gli è stato accanto nel periodo della malattia, porta infatti ancora nel cuore il ricordo del suo entusiasmo e della sua tenacia nel seguire, pure nei periodi di forzata lontananza dalla scuola, lo stesso ritmo di apprendimento dei suoi compagni. “La morte di mio figlio è una responsabilità che ci dobbiamo prendere – dice papà Ermanno – il compito è trasformare il dolore in bene come ci aveva detto il Vescovo Coletti quando dopo sei mesi dalla perdita di Giacomo ci ha incontrato.”

Più di 120 i volontari di diverse associazioni, gruppi sportivi e scuole del territorio hanno collaborato con gioia alla realizzazione di una giornata che non si può dimenticare: Michele Evangelisti e i Muscoli del Lario, che di corse se ne intendono, hanno voluto iniziare la giornata con una corsa tra i luoghi del quartiere di Geky: ore 7:20 colazione a casa dei nonni Bruna e Mino per poi salire a Cardina e scendere in piazza Cavour per dare il via alle 9:45 alla RunforGeky. Più di 200 i partecipanti a questa 5km dentro la città murata guidati da Michele Evangelisti e riservata ai runner maggiorenni - muniti di apposito pettorale - hanno corso a ritmo controllato per ricongiungersi alla folla immensa, arrivata con i battelli navetta dedicati, che li aspettava in piazza dove nel frattempo l’allegria dei clown e dei ragazzi della break dance intratteneva tutti con balli e riscaldamento muscolare tra mille meravigliose bolle di sapone.  
Alle 10:45 con la madrina Elena Tambini sono partiti tutti i 2000 della Classic Corriamo con Giacomo.

L’azzurro del cielo e del lago hanno fatto da cornice al verde acceso dato dalle centinaia di persone che indossavano le magliette di quest’anno. Il lungo serpentone degli amici di Geky ha percorso il lungolago fino alla bellissima area dell’ex galoppatoio di Villa Erba a Cernobbio; ad aspettarli i ragazzi del  Team Como Bike con Macelleria Marelli hanno offerto prosecco, succo e patatine a tutti in attesa del pranzo.

Immancabile la Santa Messa in ricordo di Giacomo, a testimoniare la fede di mamma Ilaria e papà Ermanno con i fratelli di Geky Sofia e Lorenzo a dimostrare che un dolore immenso si può trasformare in gioia quando è vissuto nella certezza che Giacomo vive in tutti questi 2000 cuori. E poi il gustosissimo pranzo a cura dei volontari della Croce Rossa e il servizio bar gestito dai ragazzi dello Spazio Anagramma di Cernobbio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’attesa di pranzare tanto divertimento con musica e giochi con i Clown che Giacomo aveva conosciuto in ospedale e con cui è nata un’amicizia speciale. Una giornata semplice ma festosa in ogni momento e all’insegna della gioia condivisa. Questa è la Runforgeky - Corriamo con Giacomo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • 81 morti per coronavirus all'ospedale Sant'Anna dall'inizio dell'emergenza

Torna su
QuiComo è in caricamento