"Basta, la piscina di Muggiò deve riaprire": sit-in di protesta mercoledì 8 gennaio

Manifestazione promossa dalla Pallanuoto Como

Sette mesi di chiusura della piscina di Muggiò stanno portando all'esasperazione le società sportive comasche che necessitano di un impianto regolare per poter praticare i propri sport acquatici. L'esasperazione ha toccato livelli mai raggiunti prima in città a causa delle carenze infrastrutturali, soprattutto in virtù dell'alto numero di atleti, dilettanti e professionisti, che hanno bisogno di allenarsi in una vera vasca. La piscina olimpionica di Muggiò ha sempre rappresentato il "tempio" del nuoto a livello provinciale e la sua chiusura sta causando non pochi disagi. A dire "basta" per la prima volta con una vera e propria iniziativa di protesta è la Pallanuoto Como che ha organizzato per mercoledì 8 gennaio, alle 19,15, un sit-in di protesta proprio davanti alla piscina di Muggiò che è sostenuto anche da Como Nuoto. Parole al vetriolo quelle che Giovanni Dato, il presidente della società sportiva, ha riservato agli assessori Marco Galli e Vincenzo Bella in un video diffuso sui social network.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • A Como arriva Decathlon: ecco come sarà

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Dalla Nasa all’apicoltura: il sogno di due ricercatori comaschi salverà il pianeta

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Pessime condizioni igieniche, la polizia chiude un locale di piazza San Rocco a Como: è la seconda volta

Torna su
QuiComo è in caricamento