Pallavolo maschile, Pool Libertas Cantù batte Bergamo: vittoria in gara 2 di semifinale

I brianzoli si giocano tutto in gara 3 a Bergamo

Photo credit: Patrizia Tettamanti

Pool Libertas Cantù batte Olimpia Bergamo per 3-2 in gara 2 di semifinale e continua a volare.
Il Parini si conferma fortino inespugnabile per i brianzoli. Dopo più di due ore di battaglia, lunedì 22 aprile 2019 i ragazzi di Coach Cominetti vincono 3-2 contro l'Olimpia Bergamo trascinati da un pubblico partecipe e caloroso. I bergamaschi sono stati l'ultima squadra ad uscire vittoriosa dal palazzetto canturino nella gara di andata giocata a inizio dicembre. Da allora solo vittorie per i canturini tra le mura amiche.

Le squadre

Coach Luciano Cominetti alterna Mirko Baratti e Alessio Alberini in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, e Luca Butti libero. Coach Alessandro Spanakis risponde con Fernando Gabriel Garnica opposto a Yuri Romanò, con l'ex Nicola Tiozzo e Dmitriy Shavrak in banda, Alex Erati e Antonio Cargioli al centro, e Luca Innocenti libero.

La partita

Partenza a razzo per il Pool Libertas, che in un attimo è 7-3, e Coach Spanakis ferma subito il gioco. Al rientro Tiozzo riporta sotto i suoi (9-7), ma un muro di Monguzzi su Cargioli riporta il distacco tra le squadre a 4 punti (12-8). Shavrak e Tiozzo tengono a galla l'Olimpia, ed è un muro dello schiacciatore veneto su Monguzzi a riportare sotto i suoi, con Coach Cominetti a chiamare time-out (17-16). Un ace di Romanò mette il punteggio in parità a quota 20, e il Coach canturino ferma di nuovo il gioco. Alberini mura Romanò, ed è il turno di Coach Spanakis di chiamare time-out (22-20). Il divario tra le due squadre non diminuisce, e un attacco mani out di Cominetti consegna il set ai suoi (25-23).

Nel secondo set Bergamo alza il muro e vola 5-9, costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco. Due attacchi out di Santangelo, e il vantaggio esterno aumenta. Coach Cominetti chiama il suo secondo time-out in breve tempo (6-12). Il Pool Libertas non si disunisce, e lotta palla su palla senza però riuscire a ricucire lo strappo. Chiude una pipe di Tiozzo (14- 25).

Nel terzo set Cantù prova a scappare (5-3, 7-5), ma viene sempre raggiunta da Bergamo. Entrambe le squadre lottano palla su palla fino all'ace di Preti che spezza l'equilibrio. Coach Spanakis ferma il gioco (18-16). Il Pool Libertas difende il doppio vantaggio con le unghie e con i denti, ma Tiozzo tiene i suoi a galla fino al finale, dove è il muro dei padroni di casa a fare la differenza (24-20). Gli ospiti rosicchiano due punti, ma Santangelo chiude (25- 22).

Nel quarto set il Pool Libertas scappa subito 4-1, ma l'Olimpia impatta a quota 4. Come nel terzo set, si lotta palla su palla, con le squadre che danno tutto in campo. La reazione canturina al rosso a Santangelo è forte, ed è l'opposto a guidare la carica con un turno dai 9 metri che favorisce un parziale di 4-0 (10-6). Gli attaccanti canturini continuano a martellare e il vantaggio interno aumenta (15-9). Bergamo, però, non ci sta, alza il muro e, lentamente ma inesorabilmente, recupera e aggancia la parità a quota 21. Gli orobici martellano da ogni posizione, si lanciano avanti e un attacco di Preti confermato out dal video-check porta il match al tie-break (23-25).

Il quinto e decisivo set è un'altalena di emozioni. I canturini si lanciano avanti 6-3 con un grande turno in battuta di Capitan Monguzzi, e Coach Spanakis ferma il gioco. Al rientro in campo l'Olimpia reagisce, ma il Pool Libertas difende il vantaggio con le unghie e con i denti fino all'attacco mani-out di Preti che chiude il match e manda la serie a gara-3 (15- 12).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di coach Luciano Cominetti

“Nel quarto set ci hanno recuperato due volte, sia all'inizio che nel corso del set. Nel finale abbiamo peccato su alcune chiusure in attacco e siamo incappati nel loro muro. I ragazzi sono stati bravissimi perché perdere un set del genere e ritornare in campo con tutta quella determinazione significa che la loro testa c'è. Questo aspetto nella pallavolo conta tantissimo, e dovremo portarlo con noi a Bergamo. L'obiettivo principale era congedarci dal nostro pubblico con una vittoria, e ce l'abbiamo fatta. Adesso dobbiamo andare a Bergamo cercando di sistemare alcune cose per riuscire a fare una buona partita. Sappiamo benissimo che sono avversari che possiamo riuscire a battere, e studieremo al meglio quello che abbiamo fatto in queste due settimane per portare a casa il risultato. Un'eventuale finale sarebbe storica e un regalo grandissimo per Cantù e per noi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Tatiana Ortelli, la ragazza morta nell'incidente in via per Cernobbio

  • Eupilio: si cerca Mattia Gandola nel lago, forse annegato

  • Incidente via per Cernobbio, arrestato il ragazzo alla guida per reato stradale: aveva bevuto troppo

Torna su
QuiComo è in caricamento