Anche a Como è esplosa la Bubble Tea mania

I ragazzi vanno matti per le bolle cinesi da masticare

Il Bubble Tai Wan di Como

Si chiama bubble tea ed è una bevanda ideata a Taiwan negli anni Ottanta. Il nome di certo incuriosisce, perché come tutti sanno bubble significa bolla ed è un termine comunemente associato alla gomma da masticare con cui fare palloncini. Anche a Como tra i ragazzi è esploso il boom.

In particolare il Tai Wan Bubble Tea di piazza Sant'Agostino è gettonatissimo soprattutto tra gli studenti di ogni età. Una vera e propria mania che anche in città sembra aver sostituito non solo bevande gettonatissime come la coca-cola ma anche frullati e gelati. Insomma un'altra "diavoleria" cinese che sta conquistando almeno il gusto dei giovannissimi. 

bubble-como-2-2

Non si beve soltanto, ma si mastica: uno snack in piena regola 

Che c’entra, dunque, con il tè? Presto detto: il bubble tea originario è a base di tè nero, latte e perle di tapioca, di consistenza gelatinosa, caratterizzate da un gusto che per certi versi ricorda vagamente la liquirizia. La tapioca è gluten free, quindi via libera anche per i celiaci. Rispetto agli esordi sono state aggiunte numerose varianti, tuttavia il comune denominatore è sempre quello: il bubble tea non solo si beve, ma si mastica. È uno snack drink in piena regola. Gli occidentali l’hanno scoperto da poco e ne sono già innamorati: gli americani sembrano non poterne più fare a meno e adesso anche i tedeschi sono sulla buona strada.

Il tè

I tipi di tè più richiesti sono l’Earl Grey, il matcha e quello al gelsomino. Il tè alla pesca e il passion fruit tea, invece, risultano molto gettonati durante la stagione estiva perché particolarmente rinfrescanti. Oltre all’abbinamento con il latte, funzionano quelli con lo yogurt, vari succhi di frutta e il gelato in estate. Per preparare alcuni bubble tea si ricorre alla crema in polvere, un succedaneo da evitare. A seconda dei gusti, il bubble tea può essere servito caldo oppure freddo.

bubble-como-4-2

Il topping

Per quanto riguarda i topping, al posto della tapioca spesso si utilizzano i popping boa, perle trasparenti ripiene di sciroppi. In entrambi i casi, queste golose palline si depositano sul fondo del bicchiere ed è d’obbligo schiacciarle coi denti e succhiarle (rigorosamente con una cannuccia sufficientemente larga), per sentirle esplodere in tutta la loro dolcezza. Un altro tipo di topping prevede striscioline di gelatina dolce aromatizzata oppure pezzetti di frutta: è il caso del bubble tea preparato con acqua di cocco.

Come si prepara?

Bisogna prima lasciarle a bagno in acqua fredda per una decina di minuti, quindi si portano a ebollizione 7 parti di acqua per ogni parte di tapioca (per esempio 7 tazze per una tazza), si versano le perle e si fanno cuocere fino a quando diventano traslucide (occorre circa un quarto d’ora); a questo punto si spegne il fuoco, si copre la pentola e si fanno riposare le perle per una decina di minuti. Trascorso questo tempo si scolano, si mettono in un contenitore e si coprono con dello sciroppo di frutta. Dopo aver preparato il proprio tè preferito, lo si versa nello shaker con un po’ di latte, si scuote con o senza ghiaccio, si trasferisce in un bicchiere alto nel quale sono state precedentemente messi alcuni cucchiai di perle con lo sciroppo.

bubble-como-3-2

Una nota dolente: le calorie

L’esperienza va fatta, questo è fuor di dubbio, tenendo però presente che le calorie abbondano. I più ferventi detrattori sottolineano che i bubble tea hanno quantità di zucchero troppo elevate e quelli proposti dagli esercizi commerciali presentano anche un’alta concentrazione di coloranti, conservanti e additivi. In linea di massima, un bicchiere da 200 ml contiene dalle 300 alle 500 calorie. Però esiste anche una versione con zero calorie, ovvero priva di zucchero e con semi di chia al posto della tapioca. A chi desidera un’opzione che conservi il buon livello nutritivo, nonostante l’assenza di zucchero, consigliamo il matcha bubble tea. Il matcha è ricco di vitamine, minerali, polifenoli; è il tè con la maggior percentuale di antiossidanti (anche superiore a quello verde); si sposa perfettamente sia con il latte organico che con quello di mandorle. Anche in questo caso, a fare da topping sono i semi di chia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

bubble-como-5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Miss Mondo: sei le comasche in semifinale. Ecco le loro foto

  • Laura, negoziante guerriera, dice no a Como duty free

  • Incidente sulla Valassina: traffico in tilt in direzione Milano

  • Mascherine, in Lombardia stop all'obbligo all'aperto dal 15 luglio

Torna su
QuiComo è in caricamento