Cadorago, ordinanza del sindaco: "Senza vaccini non si entra a scuola"

Linea dura del primo cittadino Clerici: frequenza vietata ai bambini sotto i 6 anni non vaccinati

Linea dura del sindaco di Cadorago Paolo Clerici sul tema della vaccinazioni obbligatorie per la scuola (qui un'utile guida con tutto quello che c'è da sapere): il primo cittadino ha infatti firmato un'ordinanza, datata 6 settembre 2018, in cui "ordina che nessun bambino al di sotto dei 6 anni venga ammesso a frequentare per l'anno scolastico 2018/2019 senza preventiva verifica delle avvenute vaccinazioni obbligatorie ex lege presso l'anagrafe vaccinale della Regione Lombardia ovvero la richiesta della prenotazione di vaccinazioni non ancora eseguite debitamente documentata".

Tira dritto, dunque, il sindaco Clerici, nonostante un nuovo emendamento al decreto Milleproroghe stabilisca che fino al 10 marzo 2019 resta valida l'autocertificazione delle avvenute vaccinazioni: entro quella data i genitori dovranno far pervenire alle scuole i certificati vaccinali ufficiali.

Non così a Cadorago, dove il sindaco ha deciso di intervenire sulle scuole comunali "in qualità di autorità sanitaria locale": come tale, prosegue l'ordinanza, "ha la responsabilità della tutela della salute pubblica dei propri cittadini". In particolare Clerici fa riferimento al fatto che "le scuole sono frequentate anche da bambini con immunodepressione di ogni tipo e che ammettere bambini non vaccinati nelle scuole espone i primi a un elevato rischio per la loro salute".

Mentre un nuovo emendamento al decreto Milleproroghe rende valida l'autocertificazione delle avvenute vaccinazioni, ma solo fino al 10 marzo, data entro la quale i genitori dovranno consegnare agli istituti i certificati ufficiali, il sindaco comasco sceglie di intervenire sulle scuole di competenza del Comune "in qualità di autorità sanitaria locale", che in quanto tale "ha la responsabilità della tutela della salute pubblica dei propri cittadini". Nell'ordinanza, Clerici ricorda che "le scuole sono frequentate anche da bambini con immunodepressione di ogni tipo e chi ammette bambini non vaccinati nelle scuole espone i primi ad un elevato rischio per la loro salute".

Insomma, per chi non si vaccina, niente scuola: l'ordinanza è stata notificata a tutti i dirigenti scolastici, ai titolari degli asili nido pubblici e privati e delle scuole dell'infanzia presenti nel territorio comunale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento