Liceo biomedico al Giovio di Como: studenti a lezione all'ospedale Sant'Anna

Firmata la convenzione che apre le porte del presidio di San Fermo agli alunni: previste lezioni teoriche e pratiche

Immagine di archivio (foto Foggia Today)

E' stata firmata la convenzione tra Asst Lariana e liceo Paolo Giovio: l'accordo, presentato giovedì 6 dicembre 2018, prevede un programma didattico per gli studenti del Liceo Biomedico che coinvolgerà i professionisti dell'ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, che aprirà le sue porte agli studenti.

L’iniziativa si aggiunge alla consolidata collaborazione dell’Asst, polo ospedaliero universitario dell’ateneo dell’Insubria, con il Giovio e altre scuole del territorio nell’ambito dell’Alternanza Scuola – Lavoro.

Cosa prevede il progetto formativo

Sviluppato per tutti e cinque anni gli anni di durata del liceo, il progetto sarà avviato a gennaio 2019 e prevede l'ampliamento delle conoscenze degli alunni a partire dall’organizzazione dell’azienda, passando poi a un approfondimento sulle professioni dell’infermiere e del medico, fino ad arrivare a toccare temi quali igiene ed educazione sanitaria, malattie sessualmente trasmesse, microbiologia e genetica, analisi cromosomica, epatologia e abuso di alcool, nutrizione e prevenzione e lo studio dei principali apparati del corpo umano.

Alla parte teorica, in ospedale o in classe, si aggiungerà anche una parte pratica con la visita ai principali Laboratori del Sant’Anna e alla Centrale di Sterilizzazione del Blocco Operatorio. Gli studenti del Liceo “a curvatura biomedica” potranno quindi sviluppare le competenze e le abilità per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere con la corretta padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie, anche attraverso la pratica laboratoriale. L’attività di formazione e orientamento del percorso è progettata e verificata da un docente tutor interno designato dall’istituzione scolastica e da un tutor formativo della struttura, come hanno ricordato durante la presentazione le docenti del Dipartimento di Scienze Silvia Vannini, Daniela Versace e Giovanna Poloni che, insieme a Laila Cesareo, hanno messo a punto la progettazione.

La presentazione della convenzione

La presentazione di giovedì, guidata dal direttore sanitario Fabio Banfi e dal preside del Giovio Marzio Caggiano, cui hanno partecipato anche Simone Zerbi, anestesista rianimatore, e Simona Cimetti, coordinatrice infermieristica dell’Ufficio Epidemiologico/CIO, è stata l’occasione per suggellare la collaborazione tra i due enti.

Nella foto un momento della presentazione della convenzione tra Asst Lariana e Liceo Giovio

convenzione giovio sant'anna-2

“L’Azienda e suoi ospedali – ha sottolineato Banfi – hanno anche una funzione di coesione territoriale e sociale e siamo orgogliosi di poter contribuire alla formazione dei cittadini di domani. L’Asst rappresenta insieme alla scuola uno dei nodi di un’importante rete di cui fa parte anche l’Ateneo dell’Insubria, della quale siamo polo universitario. Ringrazio il preside per la lungimiranza nell’aver proposto quest’accordo, le docenti e tutti i nostri professionisti che si sono messi a disposizione per il progetto formativo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Liceo Biomedico, di recente attivazione, al momento dispone di due classi prime e due classi seconde. “Il nostro intento – ha spiegato Caggiano – era quello di creare un percorso di studio per rispondere ai bisogni del territorio e avere l’opportunità di interagire con gli attori preposti alla cura. Questa collaborazione consentirà ai nostri studenti di accrescere le loro competenze ma anche di diventare cittadini attenti e consapevoli. Proseguiremo in futuro anche con contatti con l’Università dell’Insubria e con centri di ricerca internazionale. Ringraziamo l’azienda e suoi professionisti per il contributo formativo, professionale e umano che metteranno a disposizione dei nostri ragazzi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Como, aliante caduto a Tavernola

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

  • Cantù, minaccia di morte e perseguita per mesi l'ex socio: denunciato

  • Spostamenti tra le Regioni, la decisione sarà presa in base ai dati (e probabilmente con poco preavviso)

  • Chiara Ferragni e il suo post sul lago di Como: "Non vedo l'ora di tornare"

Torna su
QuiComo è in caricamento