Adesso cani e gatti possono visitare i loro padroni ricoverati all'ospedale Sant'Anna

Un apposito regolamento per i pazienti che vogliono ricevere la visita dei loro piccoli amici

Cane in visita all'ospedale

Nella sezione "Per i pazienti" della home page del sito www.asst-lariana.it" è stata creata una pagina dedicata al regolamento per l'accesso in ospedale degli animali d'affezione.Il documento prevede la possibilità di portare cani, gatti o conigli in visita ai pazienti ricoverati negli ospedali Sant'Anna a San Fermo della Battaglia, Sant'Antonio Abate a Cantù e "Felice Villa" a Mariano Comense seguendo alcune regole. 

La visita degli animali non è possibile in Anestesia e Rianimazione, Medicina d'Urgenza/Pronto Soccorso, Chirurgia, Chirurgia d'Urgenza e Terapia Intensiva Neonatale.

La richiesta di accesso va consegnata al reparto. Il personale valuterà le condizioni di salute del degente e verificherà che ci sia l'assenso anche di altri pazienti ricoverati nella stessa camera. Poi l'U.O. inoltrerà la richiesta alla Direzione Medica di Presidio. Una volta ottenuto il permesso, sarà necessario dotarsi di alcune certificazioni dei pet che si intendono portare a far visita al malato. Inoltre, concesso il benestare, bisognerà utilizzare alcuni accorgimenti riguardanti, ad esempio, l'impiego del guinzaglio per i cani o del trasportino per gatti e conigli oltre a munirsi di tutto ciò che serve per mantenere idonee condizioni igienico-sanitarie. 
Se il paziente è autosufficiente, il coordinatore infermieristico individuerà come sede d'incontro l'atrio, la sala d'attesa o altro locale ritenuto idoneo.  Prima dell'accesso in ospedale l'accompagnatore dovrà rivolgersi alla Portineria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, infetto un ragazzo della Valtellina. I contagi in Lombardia sono già 89

  • Coronavirus a Como: paziente infetto trasferito all'ospedale Sant'Anna

  • Coronavirus, non solo le scuole: dalle 18 chiusi pub e discoteche, non i ristoranti

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Da Moreno, in crisi la catena dello shopping low cost: timore per i dipendenti di Olgiate e Vertemate

Torna su
QuiComo è in caricamento