Al Sant'Anna il primo prelievo d'organi a cuore fermo

In Italia sono pochissimi i centri specializzati in questo complesso intervento

All’ospedale Sant’Anna è stato effettuato per la prima volta un prelievo d’organi da donatore a cuore fermo. Il presidio di San Fermo della Battaglia si posiziona così all’avanguardia in questo ambito grazie alla recente introduzione dell’Ecmo (Extracorporeal membrane oxygenation), un sistema di circolazione extracorporea che preserva e mantiene idonei al trapianto gli organi addominali. Si tratta di una procedura innovativa che in Italia viene effettuata in pochissimi centri di eccellenza e richiede elevata competenza, tecnologia adeguata e un autentico lavoro di squadra.

Una scelta del donatore

La procedura è stata effettuata il 29 aprile ed è stata eseguita con la tecnica denominata perfusione regionale normotermica. Gli organi – fegato e reni - sono stati prelevati dall’équipe di chirurghi del Centro Trapianti dell’ospedale Niguarda di Milano da un uomo di 69 anni e trapiantati con successo, come ha confermato il Nord Italian Transplant all’Azienda.
La donazione è stata possibile grazie alla generosità della famiglia del donatore che ha voluto, seppure in un momento così doloroso, dare voce alla volontà del congiunto.

Un intervento straordinario

“Normalmente la donazione di organi – spiega Susanna Peverelli, responsabile del Coordinamento Prelievo d’Organi di Asst Lariana - viene effettuata da donatore in morte encefalica a cuore battente. Questa procedura è da molti anni attiva al Sant’Anna ed è parte integrante della pratica clinica della Terapia Intensiva. In questo caso, invece, il cuore del donatore era fermo e di conseguenza il processo di donazione ha richiesto un elevato livello di collaborazione tra professionisti di discipline diverse quali Terapia Intensiva, Coordinamento prelievo d’organi, Emodinamica oltre ai servizi normalmente impegnati nei casi di prelievo multiorgano (Radiologia, Laboratorio Analisi) e ai numerosi specialisti che si sono alternati nella valutazione del donatore (dermatologo, chirurgo, urologo)”.

Tutto il processo della donazione si è svolto in collaborazione con il NIT (Nord Italia Transplant) e il Centro Regionale Trapianti che coordinano l’ospedale di prelievo, le liste di attese e i potenziali riceventi oltre ai Centri Trapianto con le équipe di prelievo.

Il concetto di morte in medicina

“In Italia  - spiega Andrea Lombardo, responsabile del Coordinamento Area Intensiva dell’Anestesia e Rianimazione 2 del Sant’Anna - la legge sancisce che la morte è una sola e corrisponde alla cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell’encefalo. La ‘regola del donatore morto’ fin dagli anni ‘60 e dall’inizio della medicina dei trapianti è stata il fondamentale principio etico, morale e sociale condiviso dai medici e dalla popolazione. Nel caso del donatore a cuore fermo, la morte viene accertata con l’esecuzione di un elettrocardiogramma di 20 minuti che dimostra l’assenza di battito cardiaco e, di conseguenza,  di flusso cerebrale che determina la cessazione irreversibile delle funzioni encefaliche. La complessità della procedura a cuore fermo - aggiunge - è legata alla necessità di un ripristino artificiale della circolazione che garantisca una buona perfusione degli organi addominali”.

La tecnica

La perfusione regionale normotermica è possibile grazie all’utilizzo dell’ECMO. E’ una  metodica di circolazione extracorporea impiegata in Terapia Intensiva per i casi più gravi di insufficienza cardiaca e respiratoria che è stata acquisita dall’ospedale Sant’Anna da qualche mese. “E’ un percorso complesso – prosegue Lombardo - nel quale organizzazione, tempestività e lavoro di squadra sono i fattori determinanti per il successo. Questa procedura permette di estendere il numero dei potenziali donatori e contribuisce ad aumentare la disponibilità degli organi per il trapianto”.

L’attività con l’Ecmo è stata condotta da Andrea Lombardo in collaborazione con Giuseppe De Nittis dell’Emodinamica. Il percorso è stato seguito in tutte le sue fasi da Susanna Peverelli che ha curato anche il rapporto con i familiari e monitorato il processo affinché tutti gli sforzi messi in atto risultassero efficaci al fine della donazione e del successivo trapianto.

In futuro

La procedura ha suscitato grande interesse e partecipazione della direzione generale, che ha sottolineato come l’acquisizione della nuova tecnologia consentirà di meglio posizionare l’ospedale sul versante dell’emergenza-urgenza e dei percorsi innovativi di donazione di organi. La direzione sanitaria, inoltre, ha da subito condiviso il percorso e ha partecipato al colloquio con i familiari esprimendo la gratitudine dell’Azienda per un gesto che ha ridato salute e speranza ad altri pazienti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arrestati i tre giovani rapinatori del supermercato MD di Mozzate

  • Incidenti stradali

    Incidente in autostrada a Grandate: 4 bambini tra le persone coinvolte

  • Centro storico

    Como, ciò che resta del Pane e Tulipani: piazzetta occupata dal degrado

  • Comune

    Forno crematorio di Como, presentato ricorso al Tar: tutto bloccato

I più letti della settimana

  • Poliziotto si spara: Questura di Como in lutto

  • Le 5 pasticcerie più buone di Como

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Balneabilità del Lario: ecco dove si può fare il bagno nel lago di Como

  • Esenzione ticket sanitario, come richiedere il rinnovo

  • Matrimonio gay a Como: il sogno di Giulio e Bernhard si avvera

Torna su
QuiComo è in caricamento