Sanità, sciopero dei medici venerdì 23 novembre: disagi in vista per i pazienti comaschi

Incrociano le braccia anestesisti, veterinari e dirigenti sanitari: interventi chirurgici a rischio

Repertorio (foto Today)

Disagi in vista nella Sanità lariana venerdì 23 novembre 2018 per lo sciopero nazionale di 24 ore indetto dall'Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani Emergenza Area Critica (AAROI EMAC). 
All'agitazione hanno aderito anche i sindacati dei veterinari e dei dirigenti medici: Anao Assomed, Cimo, FP Cgil Medici e dirigenti SSN, FMV Federazione Medici Veterinari, Fassid (Aipac - Aupi - Simet- Sinafo - Snr), Cisl Medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici e il Coordinamento nazionale delle aree contrattuali medica e veterinaria sanitaria Uil FPL.
Il rischio è in particolare quello del blocco delle sale operatorie e il conseguente rinvio degli interventi chirurgici.

"E' possibile che si verifichino disagi nell'erogazione dei servizi dell'Asst Lariana- fa sapere l'azienda comasca che rassicura -Saranno ovviamente garantite le prestazioni nell'ambito dell'emergenza-urgenza".

L'astensione potrebbe riguardare anche personale di Ats Insubria.

Le ragioni dello sciopero

“Come stiamo ripetendo da giorni - spiega il Sindacato degli Anestesisti Rianimatori  tramite il presidente Nazionale Alessandro Vergallo-questo sciopero è anche per i Cittadini, danneggiati dalla malagestione della sanità italiana. Il Servizio Sanitario Nazionale deve continuare a garantire a tutti il diritto alla salute, anche attraverso la tutela del personale che vi lavora e il rispetto del Contratto nazionale di lavori e dei diritti fondamentali dei lavoratori che talvolta vengono violati”.

L'indagine del sindacato

AAROI-EMAC sta effettuando un'indagine (come spiegato sul sito ufficiale del sindacato) per valutare il rispetto degli istituti contrattuali con particolare riferimento a situazioni che potrebbero minare la sicurezza di pazienti.
Secondo quanto diffuso dal sindacato, il sondaggio, in fase di elaborazione, mostra che su 211 risposte di rappresentanti sindacali - un campione estremamente significativo degli Ospedali Pubblici Italiani (Aziende Ospedaliere, Aziende Ospedaliere Universitarie e singoli Ospedali) -, 192 (91%) affermano di lavorare in carenza di organico. In 65 (31%) risposte viene denunciato il ricorso - su uno o più Presidi o in una o più Unità Operative - alla Pronta Disponibilità notturna e festiva sostitutiva lì dove sarebbe, invece, prevista la Guardia attiva H24.

"In altre parole - scrive AAROI-EMAC -esistono realtà in cui viene violata, per carenza di specialisti o per motivi puramente economicistici, la normativa che prevederebbe la presenza fissa - giorno e notte - dell’Anestesista Rianimatore all’interno della struttura ospedaliera. In questi casi l’Anestesista Rianimatore, viene chiamato per necessità, sebbene si tratti spesso di emergenze tempo dipendenti che devono essere risolte nel giro di pochi minuti. Un’assurdità che risulta ancora più grave nei casi di Pronta Disponibilità Diurna, un istituto contrattualmente inesistente, che tuttavia viene segnalato in 73 risposte (35%). Gli Anestesisti Rianimatori non hanno il dono del teletrasporto né quello dell’ubiquità. Eppure sempre più spesso molte Aziende sanitarie del SSN sembrano contare su questi super poteri. Siamo Medici, non Superman o Wonder Woman - sottolinea Vergallo -. Siamo arrivati al punto che alcuni Colleghi preferiscono passare la notte in albergo per non allontanarsi eccessivamente dall’Ospedale”.

"L’indagine AAROI-EMAC evidenzia, inoltre, la diffusione di un’altra modalità organizzativa che riguarda l’impiego di Medici AR su più sedi lavorative. Sono infatti 122 (58%) le risposte che hanno segnalato la prassi di far lavorare gli specialisti su più presidi. A quanto appena descritto si aggiunge poi la questione delle ferie non godute e delle ore di straordinario non riconosciute che, stando all’indagine, ammonterebbero a decine di migliaia per quanto riguarda le ferie e a per le ore lavorate in più. “Le conseguenze della carenza dei Medici e del ricorso a escamotage rischiosi per coprire tali carenze, oltre all’impossibilità, in alcuni casi, di garantire i LEA sono solo alcuni dei tanti motivi per i quali l’AAROI-EMAC sciopera e che interessano direttamente la popolazione. Se non si investe in sanità, nonostante la buona volontà e il sacrificio del personale sanitario dimostrato in anni di assoluto disinteresse e di scelte fallimentari, il SSN corre un serio rischio. Ci auguriamo che i pazienti, anche quelli che il 23 Novembre subiranno un disagio, comprendano l’importanza di questa mobilitazione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, ragazza di 18 anni violentata al primo appuntamento: arrestato barista del centro

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Anche Alexis Sanchez ha scelto il Lago di Como

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, rapisce il figlio di 3 anni per portarlo in Inghilterra: fermato in aeroporto

Torna su
QuiComo è in caricamento