Riparata la seconda risonanza dell'ospedale Sant'Anna: riprendono gli esami

L'apparecchiatura era ferma dallo scorso luglio per un guasto

Dopo gli interventi eseguiti in agosto, la seconda risonanza in dotazione all'ospedale Sant'Anna, fuori uso per un guasto dalla fine di luglio, ha ripreso in questi giorni ad essere utilizzata.

Nelle scorse settimane sono già state eseguite su questa macchina le urgenze e gli esami per i pazienti interni, che non sono mai stati interrotti avendo l'ospedale un altro apparecchio gemello. Da lunedì 2 settembre 2019 è ripresa anche la programmazione degli esami già prenotati e che erano stati sospesi a causa dei lavori.
Slitta invece di qualche giorno ancora la riapertura delle agende per le nuove prenotazioni, sia per quelle che devono essere effettuate entro le 72 ore, i 10 giorni o i 60 giorni, sia per le prenotazioni in libera professione.

Essendo stato sostituito l'impianto di raffreddamento ed essendo stato necessario eseguire anche una ricarica di elio (la risonanza magnetica utilizza infatti magneti superconduttori e necessita pertanto di un continuo raffreddamento che si ottiene utilizzando elio liquido, ndr), i tecnici stanno ora ultimando gli interventi. Il funzionamento della macchina è monitorato quotidianamente e in base ai risultati dei test verrà sciolta la riserva sulla riapertura delle prenotazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento