Nuova chirurgia maxillo facciale dell’ospedale Sant’Anna di Como: ecco cosa cambia

Luigi Colombo nuovo primario facente funzioni, Andrea Di Francesco coordinatore dei percorsi chirurgici pediatrici

Da sinistra: Angelo Selicorni, Alfredo Caminiti, Andrea Di Francesco, Fabio Banfi, Luigi Colombo e Stefano Valsecchi

Riorganizzazione per l’Unità Operativa di Chirurgia Maxillo-facciale dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia.

Nuovo primario e nuovo responsabile della chirurgia maxillo-facciale pediatrica

Dal 1° febbraio 2019 Luigi Colombo, già nell’équipe dal 1992 e titolare di incarico di alta specializzazione, sarà alla guida del reparto in qualità di primario “facente funzioni”. Dopo il pensionamento di Paolo Ronchi nell’ottobre scorso, la responsabilità gestionale era stata affidata temporaneamente a Vincenzo Zottola, direttore del Dipartimento gestionale di Chirurgia.
L’altra novità presentata mercoledì 23 gennaio in conferenza stampa da Fabio Banfi, direttore generale di Asst Lariana, riguarda Andrea di Francesco, responsabile della struttura semplice di Chirurgia Maxillo-facciale Pediatrica. A lui è stata affidata anche la funzione di Coordinatore/Facilitatore interdipartimentale della Chirurgia Pediatrica generale e specialistica dell’Asst Lariana in staff alla Direzione Sanitaria.

“Con questa riorganizzazione – ha sottolineato il direttore generale Banfi – si intendono creare le condizioni per assicurare temporaneamente l’assolvimento delle essenziali funzioni di responsabile dell’unità operativa, nell’attesa di espletare il concorso per il primariato. I nostri uffici sono già al lavoro per predisporre le procedure adeguate. Inoltre – aggiunge Banfi – tale riorganizzazione punta a consolidare positivamente il clima all’interno dell’unità operativa e, al contempo, valorizzare le competenze di due professionisti di alto profilo. La Chirurgia Maxillo-facciale è un’eccellenza del nostro ospedale, con un profilo d’offerta in ambito oncologico, traumatologico e pediatrico che è punto di riferimento per pazienti provenienti dalla Lombardia e da fuori regione”.

I numeri del reparto maxillo-facciale del Sant'anna

Le attività sono in crescita. Nel 2018 la Maxillo-facciale ha effettuato 553 interventi, il 7% (+39) in più rispetto al 2017 (514). Durante l’incontro di mercoledì il dottor Colombo ha illustrato il profilo di offerta del reparto, fondato oltre 30 anni fa da Paolo Ronchi e caratterizzato dalla multidisciplinarietà, nell’emergenza, nell’oncologia del distretto del “testa-collo”, settore affidato a Stefano Valsecchi, nell’ambito pediatrico e in quello della cura delle apnee notturne.

Chirurgia in ambito pediatrico

L’Asst, inoltre, alla luce delle linee di indirizzo per la promozione e il miglioramento della qualità, della sicurezza e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali in area pediatrico-adolescenziale e della continuità della presa in carico della persona prevista dalla legge di riforma regionale, individuerà le azioni per migliorare l’organizzazione che sta alla base dell’offerta delle prestazioni chirurgiche in ambito pediatrico.

“E’ nostra intenzione – specifica Banfi – sviluppare, anche a fronte anche di un’accresciuta attenzione e sensibilità verso l’attuazione di forme di offerta integrata dei servizi in tale settore, specifici percorsi di presa in carico e continuità assistenziale, nell’ottica dell’instaurazione di nuove strategie e rapporti tra ospedali e rete territoriale. Il coordinatore si confronterà con i Direttori dei Dipartimenti Gestionali di Chirurgia, Materno-Infantile e di Emergenza, Rianimazione e Anestesia e si avvarrà dell’attività sinergica del GOIP di Pediatria Chirurgica. I direttori di questi dipartimenti definiranno, per lo sviluppo delle azioni specifiche, un team di operatori, in rappresentanza delle differenti discipline chirurgiche e delle componenti sanitarie necessarie”.

Come ha ricordato Banfi, l’ospedale Sant’Anna non è più da tempo un ospedale generalista, ma vanta filoni di attività specialistica di alto profilo anche in ambito pediatrico. Ad esempio, con l’arrivo del primario di Pediatria Angelo Selicorni, anche genetista, sono molti i bambini “fragili” e con patologie rare, seguiti nella struttura di via Ravona, con nuove esigenze e nuovi bisogni.
Una “fotografia” confermata dal direttore del Dipartimento Materno Infantile Alfredo Caminiti, che ha sottolineato come si procederà con la presa in carico di bambini e ragazzi in un’ottica multidisciplinare per offrire a loro e alle loro famiglie risposte sanitarie e socio sanitarie vicino a casa.

Potrebbe interessarti

  • Attenzione agli ingredienti: ecco le 4 sostanze chimiche presenti nelle creme solari pericolose per la salute

  • Mercato immobiliare del Lago di Como: è Cernobbio il paese più richiesto

  • Rimedi post sbornia

  • Come combattere il caldo quando si viaggia in auto

I più letti della settimana

  • I 10 eventi da non perdere in questo lungo weekend di Ferragosto a Como e al lago

  • Uomo in strada minaccia di spararsi: panico a Monte Olimpino, un carabiniere ferito

  • Ragazza delle pizze rapinata e molestata a Como: "Ho temuto di essere violentata"

  • Muore a causa della puntura di una vespa in Alta Valle Intelvi

  • Ha incendiato l'autolavaggio perché non riusciva a farlo funzionare: arrestato 45enne di Luisago

  • Incidente in autostrada tra Fino e Lomazzo: 6 feriti

Torna su
QuiComo è in caricamento