La storia di Monica e della figlia Sabrina: il loro grazie speciale agli "angeli" del centro epilessia del Sant’Anna

La lettera di una mamma e la sua odissea tra gli ospedali finchè non ha incontrato l'ambulatorio di San Fermo dedicato a bambini e ragazzi

Da sinistra Fabio Banfi (nuovo direttore Asst Lariana), Vincenzo Belcastro (neurologo) e Angelo Selicorni (primario pediatria)

Un'eccellenza della sanità comasca che non tutti conoscono: è l'ambulatorio per l'epilessia dell'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia dedicato ai bambini e ai ragazzi che soffrono di questo disturbo, una tra le più diffuse malattie neurologiche che spesso costringe i piccoli pazienti e le loro famiglie a pellegrinaggi in ospedali anche lontani per le cure.
L’ambulatorio comasco è gestito dall’Unità Operativa di Neurologia e prevede la presa in carico, in collaborazione con il reparto di Pediatria diretto da Angelo Selicorni, dei pazienti affetti da epilessie sintomatiche e genetiche per la prima visita e i controlli successivi. Il referente è il neurologo Vincenzo Belcastro.
Si tratta di un servizio attivo dal luglio 2017 (prenotabile con impegnativa tramite il call center regionale) che si occupa delle problematiche dei pazienti in età evolutiva: parole "tecniche" per indicare un centro a due passi da casa in cui medici di eccellenza curano non soltanto la patologia, ma si occupano dei piccoli pazienti e delle loro famiglie, con amore e dedizione, come testimonia la lettera di che questa mamma comasca ci ha inviato e che pubblichiamo integralmente.

Con questo articolo vorrei arrivare alle numerose famiglie del territorio comasco che non sono ancora a conoscenza dell’esistenza di questo centro a Como nel nostro ospedale Sant’Anna.

Sona la mamma di una ragazzina disabile di 18 anni affetta da una forma grave di epilessia farmaco resistente. Nel mio percorso di accompagnamento a mia figlia ho notato che le numerose famiglie con la mia stessa problematica nel territorio di Como devono fare lunghi spostamenti e girare centri dislocati in città lontane per seguire i propri figli.

Non solo, purtroppo questo tipo di patologia necessita di un medico di riferimento con un contatto quasi quotidiano per il dosaggio dei farmaci e per la frequenza delle crisi per cui per la famiglia diventa un grande disagio avere il centro e il medico di riferimento lontani.
In questi anni abbiamo condiviso con tante persone questi disagi poi per un’emergenza personale di mia figlia mi sono avvicinata al centro per l’epilessia del Sant’Anna che come per me è stata una sorpresa così sono sicura che lo potrebbe essere per tanti genitori nel comasco. Per questo motivo mi sono sentita in dovere di scrivere qui sperando di arrivare a più persone possibili.

Ho trovato un’equipe di medici di altissimo livello che insieme hanno fatto sì che in sei mesi la nostra ragazza non solo abbia pochissime crisi ma abbia fatto dei miglioramenti generali di grande rilevanza.
A partire dall’epilettologo Dott. Belcastro Vincenzo che ha curato il caso di mia figlia in modo umano e con una grande attenzione alla persona e con un grande anche risultato sulla terapia e sulla epilessia di mia figlia.

Questo per comunicare ai genitori che abbiamo la fortuna di avere dei medici di grande preparazione e un centro di grande livello anche a Como dove con l’arrivo anche del sindromologo Dott. Selicorni Angelo si può avere anche la ricerca genetica.
Obiettivo di questo articolo è anche di sensibilizzare la direzione dello stesso ospedale affichè possa potenziare questo servizio visto la competenza dei medici che ci lavorano e visto le tante famiglie che purtroppo necessitano di assistenza in questo campo. Ringrazio naturalmente il Dott. Belcastro Vincenzo e il Dott. Selicorni per aver aiutato noi e Sabrina e averci dato finalmente la tranquillità di essere seguiti in modo adeguato nella nostra città.

Monica Bianchi

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Lago di Como: i 10 migliori aperitivi con vista mozzafiato

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento