Malattie rare, Como fa scuola: farmaci a domicilio per 165 pazienti

L'ASL di Como fa scuola nell'assistenza ai malati afflitti da malattie rare e particolarmente invalidanti. Per la prima volta in Italia una ASL si fa carico di un servizio di consegna a domicilio dei farmaci necessari alle cure delle malattie...

Malattie rare, Como fa scuola: farmaci a domicilio per 165 pazienti

L'ASL di Como fa scuola nell'assistenza ai malati afflitti da malattie rare e particolarmente invalidanti. Per la prima volta in Italia una ASL si fa carico di un servizio di consegna a domicilio dei farmaci necessari alle cure delle malattie gravi. L'iniziativa è stata intitolata "La salute direttamente a casa tua" ed è stata presentata questa mattina in conferenza nella sede di via Pessina a Como alla presenza del direttore generale e del direttore sanitario dell'ASL di Como, Roberto Bollini e Carlo Alberto Tersalvi, nonché dell'assessore regionale alla Salute Mario Mantovani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il servizio, inaugurato oggi con la consegna di farmaci a un residente di Montorfano, interesserà a Como e provincia 165 persone colpite da malattie rare quali Sla, fibrosi cistica, sclerosi multipla e altre patologie gravi e invalidanti.

"L'ASL di Como fa scuola - ha commentato l'assessore Mantovani - con una iniziativa che è la prima e unica non solo in Lombardia ma in tutta italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: arrestato

  • Como, aliante caduto a Tavernola

  • Il primario del Sant'Anna: "Mascherine, distanziamento sociale e lavaggio quasi ossessivo delle mani"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

  • Cantù, minaccia di morte e perseguita per mesi l'ex socio: denunciato

  • Spostamenti tra le Regioni, la decisione sarà presa in base ai dati (e probabilmente con poco preavviso)

Torna su
QuiComo è in caricamento