Vaccini a Como, in via Napoleona code e disagi per mamme e bambini

La segnalazione dei genitori: al centro vaccinale orari degli appuntamenti non rispettati e lunghe attese

Ancora disagi e attese per i genitori che devono far vaccinare i propri figli a Como.
In questo caso non si tratta dei vaccini obbligatori previsti per l'ammissione a scuola che avevano portato molte famiglie a una corsa per mettersi in regola con conseguente sovraffollamento degli ambulatori, ma del vaccino contro il meningococco B.
La vaccinazione è tra quelle facoltative e in copagamento, quindi una parte della spesa deve essere coperta dalle famiglie: si tratta di due somministrazioni del costo di circa 83 euro l'una, mentre è gratuita per i nati nel 2017 e 2018 e le categorie a rischio E' stato introdotto tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 in Lombardia e da allora si è scatenata una corsa di molte famiglie per far vaccinare i figli, tanto che le attese sono di mesi. 
Per prenotare questa vaccinazione è necessario telefonare al call center regionale, il quale fissa un appuntamento con data e ora.

Il problema


I disagi per le famiglie, spesso mamme con bambini anche piccoli, arrivano quando ci si reca al centro vaccinale di via Napoleona a Como, trasferito da inizio 2018 nel vecchio Sant'Anna, per la somministrazione. A differenza delle altre prestazioni, per i vaccini non si passa dalle casse del centro prelievi, ma si va direttamente al terzo piano del monoblocco, si fa l'iniezione e poi si paga alla cassa apposita accanto all'ambulatorio.
Il problema, segnalato da alcune mamme, è che al centro vaccinale non viene tenuto conto dell'orario fissato dal call center regionale, ma vige la regola del "chi prima arriva, meglio alloggia".
All'ingresso, infatti, è installato un totem da cui bisogna ritirare un biglietto con un numero che indica l'ordine di arrivo, in base al quale si viene chiamati per la vaccinazione. E così le attese impreviste, con tanto di bambini (spesso nervosi e spaventati per la puntura) al seguito, si allungano anche di un'ora. Con conseguenti disagi di chi ha magari chiesto il permesso per uscire dal lavoro prima per portare il bambino alla vaccinazione e poi si trova ad aspettare, quando avrebbe potuto presentarsi anche più tardi.

L'incongruenza è stata confermata alle mamme anche da una delle impiegate del centro vaccinale: secondo quanto riferisce una nostra lettrice, al momento di fissare l'appuntamento per la seconda dose, infatti, l'impiegata ha comunicato che l'orario dell'ambulatorio è dalle 16.15 alle 18, dunque chi prima arriva a mettersi in coda, prima entrerà a fare la vaccinazione, e che l'orario fissato dal call center è solo indicativo.

Ma non oltre le 18: dopo quell'ora, infatti, dicono le mamme, non è più possibile ritirare il biglietto per fare l'accodamento. 

Il rischio di perdere l'appuntamento

E qui scatta la seconda incongruenza, di cui si è accorta sempre la nostra lettrice: mentre per la vaccinazione del primo figlio l'appuntamento era alle 17.55 (ma la donna è riuscita a entrare nell'ambulatorio solo alle 18.45), l'appuntamento fissato dal call center per il secondo bambino dopo una settimana è alle 18.10, dunque oltre l'orario previsto per fare l'accodamento al totem. 
Da qui la domanda della nostra lettrice: "Se non fossi andata a fare la vaccinazione al primo figlio e non mi fossi accorta del problema, la settimana successiva avrei rischiato di arrivare in via Napoleona e magari per pochi minuti perdere l'appuntamento per cui ho atteso mesi, con il risultato di dover aspettare ancora chissà quanto per averne uno nuovo. E ancora, perchè il call center regionale non è al corrente dell'orario effettivo dell'ambulatorio di Como?".

Il chiarimento dell'Azienda Socio Sanitaria Territoriale Lariana

"Attualmente le vaccinazioni vengono effettuate secondo l'ordine di arrivo degli utenti tramite il numero del totem - spiegano dall'Asst interpellata sulla questione, precisando che "l'ambulatorio è attivo dalle 16.15 alle 18.15. Stiamo rivedendo il sistema per fornire all'utenza l'appuntamento vaccinale con l'orario preciso. Il totem sarà modificato con la possibilità di fornire il numero fino alle 18.15". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento